Auto a guida autonoma, connettività senza fili, sensori, telecamere: il mondo dell’automotive si sta ormai evolvendo rapidamente, abbracciando tutte quelle tecnologie che ormai hanno invaso la nostra quotidianità, come smartphone e tablet, e spingendo l’innovazione verso nuovi e promettenti orizzonti.

Ad essere cambiato però non è solo il modo di costruire i veicoli. Negli ultimi anni infatti l’introduzione delle norme antinquinamento e il proliferare delle zone a traffico limitato hanno spinto gli automobilisti a cambiare i propri comportamenti. Come? In primis portandoli a sostituire la propria automobile con un modello più recente avvelendosi dei nuovi servizi di acquisto auto online. Questi nuovi portali inoltre permettono di effettuare anche la valutazione del vostro vecchio “catorcio” per poi decidere se valga o meno la pena venderlo. Il vantaggio? Le pratiche burocratiche le avviate per via telematica, così dovrete recarvi in filiale solo per la vendita e la valutazione.

Si affiancano a questi nuovi siti web anche i servizi di car sharing, tra cui troviamo anche il nuovo Smart Ready to Share dell’omonima casa automobilistica tedesca. In cosa consiste? Semplice: questa volta sono i proprietari delle auto a decidere di condividere il proprio veicolo in modo facile e veloce grazie all’installazione di un lettore digitale che permette di prenotare la vettura tramite il proprio smartphone. A voi ovviamente spetterà il compito di fissare gli orari in cui l’auto è disponibile e di indicare la Homezone, ossia la zona in cui volete ricevere l’auto una volta terminato questo curioso “prestito”.

Voi cosa ne pensate? Mettereste la vostra auto a disposizione?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here