Ormai da tempo in Italia si sogna una scuola innovativa, tecnologica e moderna. Persino i docenti stanno cominciando ad utilizzare gli stessi strumenti dei nativi digitali, seppur con qualche incertezza e riserva per ciò che riguarda la sicurezza e la protezione dei loro dati e di quelli dei ragazzi. I paradigmi dell’insegnamento dunque stanno cambiando, e con essi anche la tradizionale fruizione delle risorse didattiche.

In questo panorama si inserisce Socloo, un nuovissimo social network a tema didattico nato per connettere scuole, classi, docenti, studenti e genitori.
L’applicazione, disponibile per scuole secondarie di primo e secondo grado, integra le funzionalità tipiche di una piattaforma di e-learning con i vantaggi della comunicazione, della condivisione, della partecipazione e della collaborazione social.
Socloo (nome derivante dalla contrazione di social school) viene messo a disposizione degli insegnanti per rinnovare le loro lezioni e le attività svolte in aula tramite l’utilizzo di device tecnologici.
La sua community è un luogo di scambio dove partecipare a discussioni, condividendo idee e soluzioni. È una piattaforma aperta, in continua evoluzione, che si plasma in base alle esigenze dei suoi utenti.

Molti sono i suoi punti di forza:

  • è accessibile sempre ed ovunque (poichè fornita attraverso cloud) da qualsiasi tipo di dispositivo: computer, tablet o smartphone, in classe come da casa;
  • è protetta e sicura perchè viene sempre verificata la reale identità di ogni singolo docente che ne richiede l’accesso: la moderazione dei contenuti appartiene all’insegnante che ne ha il totale controllo, a garanzia della prevenzione di azioni di cyber-bullismo e per sensibilizzare i ragazzi ad un uso corretto della rete;
  • è gratuita, non ha infatti costi di infrastrutture, né di licenza;
  • è facile da usare, perchè il suo utilizzo non richiede nessuna competenza tecnica: serve solo un browser, una connessione internet e un’email per la registrazione del docente.

 

Su Socloo, che dispone anche di un sistema di chat e messaggistica, si possono creare e gestire gruppi suddivisi per classi, per materie o per progetti. Si possono inoltre creare eventi, grazie ad una bacheca per i post e un’agenda per condividere la pianificazione.
I contenuti didattici (testi, documenti, mappe, esercizi, presentazioni, immagini, foto, video, audio e link), creati da zero o presi dalla rete, sono sempre disponibili, si possono inoltre prendere appunti, creare, assegnare ed eseguire test e svolgere lavori di gruppo tramite la wiki.

Se siete interessati a seguirne gli sviluppi da vicino vi consigliamo di registrarvi sul sito. A noi sembra davvero un’ottima idea, voi cosa ne pensate?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

quindici − dieci =