Fondata da 6 studenti nel 2010 e diventata, nel giro di pochi anni, uno dei produttori di smartphone più apprezzati della Spagna, BQ, azienda votata allo sviluppo della tecnologia in ottica open-source ma anche e soprattutto all’educazione tecnologica, ha finalmente deciso di entrare anche nel mercato italiano.

“Fare tecnologia ci appassiona perché attraverso di essa prendiamo parte al progresso sociale – spiega Rodrigo del Prado, Deputy General Director & BQ Co-Founder – Sentiamo di avere tra le mani la possibilità di cambiare il mondo e migliorarlo. La tecnologia è di tutti e per tutti e nella misura in cui ciascun individuo la comprenda, la utilizzi e la crei, siamo convinti che raggiungeremo qualsiasi meta, indipendentemente dai limiti. Crediamo nella tecnologia, nella sua semplificazione e in prezzi giusti come diritti universali affinché tutti possano comprenderla”.

La società, che ad oggi vanta più di 1000 dipendenti provenienti da diverse nazioni, si presenta con una line-up piuttosto fornita che include smartphone, tablet, stampanti e scanner 3D e persino soluzioni dedicate al mondo dei futuri maker e votate alla filosofia del DIY (Do It Yourself).

TechPrincess_BQ_smartphone_AquarisM

Partiamo proprio con gli smartphone della gamma Aquaris M, realizzati interamente in Spagna e basati su Android. A bordo troviamo batterie fino a 3.120 mAh, la tecnologia Dual-SIM e la possibilità di espandere la memoria tramite scheda MicroSD, ma anche un processore Snapdragon 615 octa-core di ultima generazione e un display che sfrutta il Quantum Color +, la tecnologia che permette di potenziare la gamma di colori fino al 90% dell’NTSC.

Completa la panoramica il software, con Android Lollipop personalizzato dall’azienda per migliorare l’esperienza utente aggiungendo la possibilità di settare il LED di notifica, permettendo di impostare la chiamata d’emergenza e integrando Limbika “Accessibility Scan”, la soluzione per persone con mobilità ridotta.

Aquaris M5 è disponibile sul sito ufficiale a partire da 279,90 Euro mentre Aquaris M4.5 parte da 189,90 Euro.

TechPrincess_BQ_smartphone_AquarisE

Volete qualcosa di ancora più open source? Potete puntare su Aquaris E5 ed E4.5 Ubuntu Edition. Ebbene sì, BQ ha deciso di puntare anche su questo sistema operativo per ora scarsamente diffuso ma derivato da uno degli OS più apprezzati.

Le caratteristiche? Aquaris E5 vanta un display IPS da 5 pollici, un processore Cortex A7 quad-core, 16 GB di memoria, fotocamera posteriore da 13 megapixel e una batteria da 2.500 mAh; Aquaris 4.5 invece si presenta con un pannello qHD da 4,5 pollici, un processore Cortex A7, 8 GB di storage, fotocamera da 8 megapixel e una batteria da 2.150 mAh.

Il prezzo è di 199,90 Euro per Aquaris E5 e 169,90 Euro per Aquaris E4.5.

TechPrincess_BQ_tablet_Edison3Mini

Siete in cerca di un tablet e non di uno smartphone? BQ propone Edison 3 Mini. 390 g e 8,7 mm di spessore, il dispositivo è leggero e maneggevole; a bordo un processore Intel Atom Z3735F, un display HD da 8 pollici e due altoparlanti Dolby.

Edison 3 Mini, con a bordo Android 4.4 Kitkat, è disponibile a partire da 169,90 Euro.

TechPrincess_BQ_stampanti3D_Witbox

Spazio poi al mondo dei maker grazie alla stampante 3D Witbox, che offre grandi volumi di stampa nel formato DIN-A4 e fino a 20 cm di altezza, permettendo inoltre di creare figure composte anche da parti multiple.

Grande qualità, un flusso d’aria continuo per raffreddare il materiale ed eccellente precisione, rendono questo prodotto perfetto per gli amanti del Fai-da-te 2.0 e dell’open source vista la sua compatibilità con i software più utilizzati.

Inoltre Witbox è pensata per garantire la massima sicurezza. Il meccanismo è protetto da pannelli e da uno sportello che può essere chiuso a chiave per evitare aperture accidentali; inoltre la base non viene riscaldata durante la stampa per evitare scottature.

Questa stampante è disponibile al costo 1.690 Euro.

TechPrincess_BQ_stampanti3D_PrusI3

Volete qualcosa di più economico? C’è la Prusa i3 Hephestos. Stabile, semplice da montare e rigorosamente open source, questo dispositivo può essere modificato e migliorato dalla community con estrema facilita.

Il kit di montaggio, che include i pezzi necessari, il manuale e il supporto degli utenti sull’apposito forum, è disponibile al costo di 499,90 Euro.

TechPrincess_BQ_scanner3D_ciclop

Non solo stampanti per i maker. BQ infatti si presenta in Italia con Ciclop, il primo kit di scanner 3D che utilizza Horus, un software multipiattaforma sviluppato dall’azienda.

Lo scanner, che monta una scheda ZUM BT-328 basata su Arduino, è acquistabile al prezzo di 249,90 Euro.

Ultimo ma non meno importante elemento della line-up di BQ è Mi primer Kit de Robótica. Si tratta di un kit pensato per incoraggiare chiunque, compresi i più piccoli, ad approcciare la filosofia del Do It Yourself fornendo tutto il necessario per costruire un robot o un gioco elettronico. Al suo interno troviamo tutti i componenti elettronici necessari, rispettosi degli standard di sicurezza e qualità del team spagnolo.

Curiosi di provarlo? Lo trovate sullo Store al costo di 84,90 Euro.

Per coloro che invece sono introdotti al magico mondo dei maker sono disponibili la scheda elettronica ZUM BT-328 al prezzo di 34,90 Euro, la piattaforma gratuita Bitbloq per la programmazione e il portale DIWO per la condivisione dei progetti creativi.

Siete pronti a lanciarvi nell’universo di BQ?