Entro il 2022, ci si aspetta che il 90% di tutte le nuove automobili saranno dotate di un sistema di riconoscimento vocale. Il passo successivo per l’auto del futuro potrebbe essere quello di comprendere, dai mutamenti delle espressioni del volto e dalle inflessioni del tono della voce, come aiutare il guidatore a migliorare il tempo trascorso al volante.

I sistemi più avanzati, dotati di microfoni e telecamere integrate all’interno dell’abitacolo, potranno imparare le canzoni preferite del guidatore per sollevarlo dallo stress. Anche l’illuminazione interna sarà sviluppata per assecondare lo stato d’animo del guidatore.

“Siamo sulla buona strada per lo sviluppo di un’auto ‘empatica’, che potrebbe raccontare una barzelletta al conducente per tirargli su l’umore, dargli consigli se ne ha bisogno, ricordargli i compleanni e aiutarlo a rimanere sveglio durante un lungo viaggio”, ha raccontato Fatima Vital, Marketing Automotive Director, Nuance Communications, che ha contribuito a sviluppare il sistema di riconoscimento vocale del sistema di connettività SYNC di Ford.

Si prevede che la tecnologia di controllo vocale basata sul cloud potrà essere disponibile sul 75% delle nuove automobili entro il 2022, e che i sistemi futuri si evolveranno in assistenti personali, in grado di riprogrammare gli appuntamenti o di ordinare pasti take away mentre i conducenti sono bloccati nel traffico.
A partire dalla prossima estate, il SYNC 3, il sistema d’infotainment e connettività Ford, consentirà la connessione ad Alexa, l’assistente virtuale di Amazon, in 23 diverse lingue e integrando molti accenti locali. Attraverso l’accesso alle risorse cloud, le auto del futuro potranno consentire al guidatore di parlare la propria lingua madre.

Il sistema Ford SYNC 3 supporta gli standard di comunicazione più diffusi, da Apple CarPlay, che consente di utilizzare l’interfaccia iPhone sul touch-screen dell’auto e accedere ai comandi vocali di Siri Eyes-Free, ad Android Auto, che consente l’accesso in modo semplificato dallo schermo dell’auto a Google Maps e alla musica mentre telefonate e messaggi possono essere gestiti direttamente con i comandi vocali.
Al momento Ford sta collaborando con la RWTH dell’Università di Aachen a un progetto per lo sviluppo della tecnologia di riconoscimento vocale, tra l’altro includendo l’utilizzo di più microfoni per migliorare l’elaborazione vocale, ridurre l’effetto del rumore esterno e limitare le eventuali interruzioni.

In futuro la capacità di analizzare e riconoscere la gestualità facciale e i movimenti oculari consentiranno ai conducenti di rispondere alle chiamate con un cenno della testa, regolare il volume con gesti quasi impercettibili, e impostare la navigazione verso una destinazione con una rapida occhiata direttamente sulla mappa.

“Molte persone hanno già un rapporto emotivo con la propria auto, ma con i nuovi sistemi basati sul riconoscimento vocale avanzato che saranno in gradi di ‘sentirci’ ci aspettiamo che queste relazioni possano diventare ancora più intense”, ha commentato Dominic Watt, Senior Lecturer, Department of Language and Linguistic Science, University of York. “L’auto diverrà presto la nostra assistente personale, una piacevole compagna di viaggio, potremo chiacchierare e chiederle qualsiasi cosa, fino a dimenticarsi – un giorno – che ci si sta intrattenendo con una macchina!”

​​Al Mobile World Congress, che si terrà a Barcellona, Ford rivelerà le novità sul tema della mobilità e della connettività.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here