Nella società di oggi, ormai, appare chiaro come, se si vuole emergere, ma soprattutto rimanere, sul mercato bisogna conoscere le dure leggi del web e della community che lo popola.

Sempre più aziende, infatti, si rivolgono a figure professioniste che possano non solo curare la loro immagine, ma anche proporre strategie attive che permettano di primeggiare sulla concorrenza. Kelly Services Italia ha condotto uno studio a tal proposito e ha scoperto quali sono i profili più richiesti dalle aziende:

  • E-commerce Manager: il responsabile di e-commerce ha il ruolo della gestione operativa, dell’elaborazione delle strategie (valutazione, pianificazione e realizzazione del progetto) per il lancio di un prodotto o di un servizio ed è responsabile della vendita online. Tale figura conosce i mercati internazionali, il marketing in generale e il controllo di gestione.
  • Digital Strategist: colui che decide le strategie di web marketing e di social media marketing atte a promuovere brand awareness e prodotti. Deve avere ottime capacità di comunicazione e di analisi e deve possedere una solida conoscenza di Web Marketing, SEO, SEM e social media marketing.
  • Digital Project Manager: gestisce l’intero ciclo di vita di un progetto di comunicazione digitale, rispettando i tempi, il budget e le strategie aziendali.
  • Social Media Manager: adatta le strategie di marketing ai diversi supporti del web, con l’obiettivo di migliorare la visualizzazione di prodotti e servizi. Si occupa della presenza di un’azienda o di una community sui social network.
  • Social Media Analyst: studia il ritorno dell’investimento sui social media attraverso l’analisi degli insights.
  • Community Manager: colui che gestisce il rapporto tra le diverse community online e l’azienda sui canali social.

TechPrincess_Ecommerce

Tra le competenze principali richieste per questi campi figurano: conoscenza delle tecniche di SEO (Search Engine Optimization, ovvero le tecniche per ottimizzare il posizionamento delle pagine web relative ad un brand sui motori di ricerca) e SEA (Search Engine Advertising, tra le quali, ad esempio, Google Adwords e i corrispettivi sugli altri motori di ricerca) e, in generale, quella delle logiche alla base delle varie forme di web advertising (oltre alla SEA, il display advertising e il programmatic advertising), esperienza nell’utilizzo di strumenti di CRM (Customer Relationship Management) e CMS (Content Management System, per la gestione dei contenuti dei siti web), capacità di utilizzare diversi strumenti di analytics (es. Google Analytics, Adobe Marketing Cloud, etc.) per elaborare strategie volte al raggiungimento degli obiettivi di business, e la conoscenza di piattaforme di marketing automation (ad es., i CRM, le piattaforme per l’e-mail marketing, etc.), per raggiungere tali obiettivi in maniera più efficiente. Tra le competenze trasversali spiccano problem solving, leadership e capacità di lavorare anche con team eterogenei e cross-funzionali.

Per il percorso formativo si va dalle lauree in ambito umanistico (un plus per chi lavora con le parole e con le persone), compresa quella in Comunicazione, a percorsi in ambito Economia e Marketing, con master in ambito digital marketing.

Interessati ad un percorso di tale genere?