Si è svolta ieri la conferenza di Microsoft all’interno della quale è stata presentata la nuova e ricca lineup di dispositivi, che, insieme al neo Windows 10, ben definiscono la volontà e la linea intrapresa dalla casa americana. Ma andiamo con ordine vediamo insieme nel dettaglio tutti i dispositivi annunciati.

La conferenza si è aperta con Terry Myerson il quale ha espresso il suo entusiasmo per gli obiettivi raggiunti e il grande successo di Windows 10, che, a sole dieci settimana dall’uscita, è presente in più di 110 milioni di dispositivi in tutto il mondo.

Myerson ha dedicato poi un breve spazio a tutti i gamer e a tutte le novità legate a Xbox One che arriveranno alla fine di quest’anno come una nuova interfaccia ridisegnata per integrare la potenza di Windows 10, la retro compatibilità , la console da un terabyte e la lunga lista di titoli in esclusiva che accompagneranno i giocatori durante il Natale.

L’angolo dei gamer è proseguito con la presentazione di una nuova demo di HoloLens, un’applicazione videoludica dal titolo Project X-Ray. Nella demo, mostrata direttamente sul palco, un addetto teneva in mano un controller, che, tramite un ologramma, si è trasformato in un arma futuristica ideale per combattere i robot. Inoltre, al termine della presentazione, Microsoft ha aperto le iscrizioni al Microsoft HoloLens Development Edition, il kit per tutti gli sviluppatori che sarà disponibile al costo di 3000 dollari.

Dopo la dimostrazione data con HoloLes è salita sul palco Lindsay Matese, che ha presentato Microsoft Band 2, la seconda versione del particolare smartwatch di Redmond che si ripresenta in una versione più sottile e resistente, grazie a fascia morbida in elastomero termoplastico che avvolge il polso e ad un display curvo con inserti in metallo protetto da Gorilla Glass 3 e resistente ai graffi.

Inoltre il dispositivo, seguendo i feedback ricevuti con la prima versione, è dotato di GPS, integrerà Cortana ed è munito di una serie di sensori che monitorano il battito cardiaco e rilevano il VO2Max, ovvero la quantità di ossigeno che il corpo. Compatibilità garantita ovviamente con Windows, ma anche gli utenti Android e iOS potranno utilizzarla con i loro smartphone e tablet.

Il nuovo smartband di Microsoft sarà disponibile a partire dal prossimo 30 ottobre ad un prezzo di 249 dollari.

TechPrinces_microsoft_conferenza
A continuare la conferenza, dal ritmo serrato, è stato Panos Paney che ha mostrato i nuovi smartphone Lumia 950 e 950 XL. Il Lumia 950 dispone di un display da 5.2 pollici con risoluzione di 2560×1440 pixel ed uno spessore di 8.2mm; il dispositivo integra inoltre il modulo LTE 4G, che permette un trasferimento dati e una navigazione in internet eccellente, e una fotocamera da 20 megapixel che permette al nuovo Lumia 950 di scattare foto di alta qualità con una risoluzione di 4992×3744 pixel e di registrare video in 4K alla sorprendente risoluzione di 3840×2160 pixel.

Il Lumia 950 XL è dotato ovviamente delle medesime caratteristiche, ma, a differenza del fratello minore, vanta un display da 5.7 pollici.

Tra le novità legate al mondo mobile infine troviamo il nuovo Microsoft Display Dock, che consente di collegare lo smartphone a schermo, tastiera e mouse per trasformarlo in un vero e proprio PC.

TechPrincess_Microsoft_Lumia950Dopo i Lumia è stato il turno del nuovo Surface Pro 4più sottile e più grande (12,3 pollici)  rispetto alla versione precedente ma anche con una densità di 267 ppi, un lettore di impronte digitali, Windows 10 e la nuova stilo Surface Pen, dotata di 1024 livelli di pressione.

Il dispositivo monta storage fino a 1 TB e RAM fino a 16 GB; tra le novità anche la nuova tastiera magnetica ha i tasti full size, dotati di una tecnologia per il massimo comfort di battitura.

Surface Pro 4 sarà in vendita dal 19 novembre a partire da 1029 Euro (versione Core M 128GB, 4GB Ram) presso MediaWorld, Euronics, Unieuro, Trony ed Expert.

Verso la fine della conferenza, Paney ha sorpreso tutti con Surface Book, il primo laptop ufficiale di Microsoft. Si tratta di un portatile con schermo da 13,5 pollici, 267 ppi e tecnologia Pixelsense integrata nello schermo; il tutto unito ad una potenza di calcolo e grafica ad alte prestazioni grazie alla scheda NVIDIA dedicata e alla memoria RAM GDDR5 che lo rende, secondo Microsoft, il laptop da 13 pollici più potente sul mercato (“due volte più veloce” del MacBook Pro). La batteria avrà un’autonomia sorprendente di 12 ore.

Il laptop è in realtà un convertibile poiché lo schermo potrà essere sganciato trasformandosi così rapidamente in un tablet estremamente potente e pratico, complice anche il peso contenuto (760 grammi). Avete bisogno di scrivere? In pochi secondi potete attaccare nuovamente la tastiera, dotata di telaio in magnesio, retroilluminate e dotata di una corsa di 1,6 mm per offrire il massimo comfort.

Il Surface Book è già pre-ordinabile al costo di 1499 dollari e sarà disponibile dal 26 ottobre.

Avete seguito la conferenza? Quale dispositvo ha attirato di più la vostra attenzione?