Stanchi di portare con voi mille cavi, caricabatterie, connettori e altra roba simile? PowerMe potrebbe la soluzione ai vostri problemi.

L’allettante progetto nasce da due giovani appassionati hi-tech, Ludovico Cianchetta, appassionato di tecnologia e redattore di un magazine dedicato, e Francesco Crema, aspirante ingegnere e sviluppatore di app mobile.

L’innovativo cavo all-in-one permette la connessione diretta di un dispositivo mobile dotato di porta microUSB o Lightning, trasformando il proprio smartphone in una fonte di energia diretta. Con PowerMe un dispositivo mobile può trasmettere carica nella batteria di un altro, o, altra funzione interessante, scambiare direttamente file di ogni genere (foto, musica, documenti e tanto altro ancora). Il cavo consente, infatti, uno scambio di file rapido grazie alla connessione diretta tra i due terminali collegati e riduce gli errori di trasferimento grazie al controllo di ridondanza integrato nel protocollo.

TechPrincess_PowerMe

PowerMe è un perfetto alleato anche quando si ha lo smartphone scarico, una presa USB a disposizione, ma nessun cavo per ricaricare. Anche in questo caso PowerMe aiuta gli utenti perché dispone di un adattatore che permette di utilizzare il cavo come un normale filo microUSB / lightning, collegandolo quindi a una comune presa USB come quelle da muro o del PC.

La soluzione ideata dal team di sviluppo è semplice quanto efficace: non si tratta infatti di fornire nuova energia, ma di distribuire quella presente dove serve. Il cavo è, inoltre, pratico e semplice da portare: ha la forma di un piccolo portachiavi e può essere agganciato, grazie alla chiusura magnetica integrata.

TechPrincess_PowerMe

TechPrincess_PowerMe

Il progetto è attualmente attivo su Indiegogo con una raccolta fondi con obiettivo 10.000$. Gli utenti donatori che parteciperanno all’iniziativa riceveranno: PowerMe insieme all’adattatore utile per trasformarlo in caricatore USB (a partire da 11 dollari in su); PowerMe, adattatore USB e Lightning per caricare tutti i dispositivi Apple (dai 13 dollari in su) e, infine, per le donazioni superiori ai 150 dollari, è prevista una cena per incontrare il Team di PowerMe. I due sviluppatori hanno anche fornito un servizio di assistenza su Telegram per consentire ai donatori di avere una comunicazione diretta con chi ha dato vita al progetto. Ludovico e Francesco risponderanno a tutti i messaggi pervenuti, 7 giorni su 7: gli utenti potranno richiedere informazioni, dare suggerimenti, fare richieste o semplicemente ricevere assistenza immediata e gratuita sul prodotto.

Se l’interessante ed innovativo progetto made in Italy vi entusiasma correte ad aiutare questi due giovani e brillanti ragazzi e a scoprire tutte le potenzialità di PowerMe, nella campagna crowdfunding su Indiegogo.