L’odierna società è ormai definita poliglotta e multiculturale in cui, grazie anche alle innovazioni tecnologiche, viaggiare “virtualmente” da un paese all’altro per parlare lingue diverse non è più un problema. Ma qual è, a conti fatti, il miglior programma o la miglior applicazione per apprendere al meglio una lingua straniera?

Noi abbiamo fatto una ricerca, esaminando diversi parametri e stabilendo una lista di possibili candidati, tra questi i principali protagonisti sono: LanguageCourse.net, sito web che gestite e sceglie le scuole professionali più adatte alle diverse necessità, Babbel, applicazione e sito web di apprendimento linguistico, Busuu, social network per l’insegnamento delle lingue straniere, e Duolingo, applicazione e sito online per imparare inglese e francese.

TechPrincess_AppLingue

La prima categoria ed essere presa in considerazione è il programma del corso e la sua qualità, esaminando il lessico, i contenuti speciali e le lingue disponibili. All’ultimo posto, per questa categoria, si posiziona Duolingo con sole dieci lingue da imparare, 3000 parole in totale e nessun contenuto particolare. Al terzo posto troviamo Busuu con sole 400 parole disponibili gratuitamente (altre 2600 sono sbloccabili a pagamento), un vocabolario interamente dedicato ai bambini e ai viaggi di studio e 11 lingue disponibili. Al secondo posto si classifica, invece, Babbel, con ben 13 lingue apprendibili, 300 parole gratuite (più 2700 a pagamento) e vocabolari generalizzati per tematiche (numeri, animali, cibo, ecc.). Primo in vetta è LanguageCourse.net con ben 34 lingue da imparare, più di 9500 parole, totalmente gratuite, e diversi contenuti speciali, tra cui il frasario per i viaggi, il vocabolario gergale, il lessico per gli affari e le professioni mediche e perfino un manuale di sopravvivenza straniero. 

Più omogenea è, invece, la classifica che riguarda le principali caratteristiche proposte dai vari siti e dalle varie applicazioni, con attenzione alle modalità di apprendimento, l’utilizzo di suoni ed immagini, la sincronizzazione con altri dispositivi, e le capacità user-friendly. Questa volta la differenza si fa meno evidente e vede Busuu e DuoLingo quasi ad una parità. Entrambi i programmi possiedono, infatti, audio in madrelingua, immagini delle parole (Busuu con più frequenza e varietà), modalità offline, word puzzle, scelta multipla, correzione degli esercizi di testo e compatibilità con iOS ed Android. I programmi sono però carenti quasi allo stesso modo su modalità singola di ascolto, elenchi di parole personalizzate e pochi livelli linguistici (DuoLingo ne presenta 4 ma sono sbloccabili solamente attraverso esame).

Ad avere risultati maggiori è, invece, Babbel con l’aggiunta, oltre alle caratteristiche presenti negli altri programmi, di intervalli progressivi di ripetizione delle parole, cloze test, riconoscimento vocale e compatibilità con iOS, Android, Windows Phone e Windows. Ma a svettare in classifica è, di nuovo, LanguageCourse.net, con la possibilità di scelta tra diverse modalità di apprendimento, frequenza regolabile delle ripetizioni, modalità di solo ascolto, elenchi di parole personalizzate, superlearning, modalità dettato, 5 diversi livelli linguistici, suggerimenti di allenamento per migliorare l’apprendimento delle lingue ed elenco di tutte le parole apprese. Purtroppo il programma prevede ancora semplicemente la compatibilità con iOS e Android (Babbel si classifica al primo posto per la sua varietà di versioni), ma sono previste ulteriori edizioni per gli altri sistemi operativi.

E voi? Quale applicazione o quale programma di apprendimento linguistico avete provato? Quale preferite?