Diffondere conoscenza e stimolare la creatività sono stati gli obiettivi della RealD Educational Campaign, l’iniziativa formativa che ha svelato i segreti delle tecnologie 3D agli studenti delle scuole medie e superiori di Milano, Roma e Napoli.

Promossa da Real, leader mondiale nei sistemi 3D per il cinema, in collaborazione con Fondazione Mondo Digitale, l’Organizzazione impegnata a promuovere la condivisione della conoscenza, l’innovazione e l’inclusione sociale, la campagna ha coinvolto tra marzo e aprile oltre 800 ragazzi italiani. Le classi hanno avuto l’opportunità di partecipare a lezioni speciali sul 3D, scoprire come funzionano i sistemi alla base di questa tecnologia assistere a una proiezione 3D per cogliere effetti ed esperienze rispetto a una tradizionale visione in 2D.

Dopo la prima parte educativa, hanno partecipato a quella pratica; sono stati invitati all’Immersive Storytelling Contest in cui mettere a frutto la conoscenza acquisita: i ragazzi sono stati chiamati a creare un proprio progetto in 3D seguendo fantasia e talento; i partecipanti hanno inventato un personaggio, disegnandone un ritratto e descrivendone la caratteristiche distintive e la storia.

I 3 vincitori del torneo sono Erika Zito, studentessa del liceo scientifico Claudio Cavalleri di Parabiago (MI), Elena Valentini, alunna dell’Istituto comprensivo Belforte del Chienti di Roma, la più giovane dei tre, e Pasquale Bianco, studente dell’Istituto tecnico industriale Galileo Ferraris di Napoli, autori di tre progetti che si sono distinti per l’originalità e la particolare sensibilità con cui hanno saputo interpretare tematiche molto attuali.TechPrincess_RealDEducationalCampaign_3D

Ai tre giovani vincitori è stata data la possibilità di vedere il proprio personaggio prendere vita in 3D all’interno dell’Immersive Lab della Palestra dell’Innovazione della Fondazione Mondo Digitale, un laboratorio all’avanguardia dove si sperimentano le tecnologie immersive più innovative. Con il supporto degli esperti della Fondazione hanno potuto scegliere dettagli e particolari, movimenti e movenze per dare forma ai personaggi attraverso l’aspetto che desideravano, imparando così le potenzialità creative e multidisciplinari di quella che è destinata a diventare la piattaforma digitale del prossimo decennio. Al cinema come in laboratorio, la tecnologia 3D permette di realizzare progetti all’avanguardia, concretizzare ciò che fino a poco tempo fa si immaginava come futuro.

“Siamo molto soddisfatti dell’entusiasmo con cui gli studenti hanno partecipato alla RealD Educational Campaign – afferma Alice Tentori, Country Manager per l’Italia di RealD – Sono stati bravissimi e abbiamo voluto offrire loro un‘esperienza che fosse educativa e creativa allo stesso tempo. Il nostro desiderio è continuare a educare il giovane pubblico al cinema 3D per renderlo sempre più consapevole di quanto questa tecnologia visiva possa offrire loro come momento di divertimento e occasione di conoscenza, ma anche come opportunità professionale per il futuro”.

CONDIVIDI
Carlotta Bosca
Appassionata di tutto ciò che è tecnologico. Instancabile videogiocatrice sin dall'infanzia, dipendenza nata con la prima Playstation, in particolare con Tomb Raider 2 e quindi l'amore per Lara Croft. Inguaribile sognatrice, divoratrice di romanzi e fumetti (ossessionata soprattutto da Batman).