Per la prima volta Sony porta in Italia la mostra dei Sony World Photography Awards, il più grande concorso fotografico al mondo promosso da che nel 2017 festeggerà il decimo anniversario.

L’esposizione, a cura di Denis Curti, resterà aperta dal 16 settembre al 16 ottobre 2016 presso lo Spazio Tadini di Milano. I visitatori potranno ammirare scatti che abbracciano tutti i generi fotografici, dalla fotografia commerciale a quella di viaggio, al fotogiornalismo, con una moltitudine di soggetti che spaziano dal ritratto, allo sport, all’architettura, ripercorrendo le diverse categorie in cui il concorso è suddiviso e per le quali le fotografie sono state proposte. La caccia, infatti, è aperta non solo ai talenti delle categorie Professionisti, Open, Giovani e Student Focus, ma anche al miglior fotografo italiano, che si aggiudicherà il National Award.

I Sony World Photography Awards si distinguono per l’eterogeneità dei contenuti che vengono proposti e per la varietà dei profili degli autori . I fotografi hanno sottoposto gratuitamente i propri scatti nel sito web, completamente rinnovato, che metteva a disposizione dei partecipanti una piattaforma più ampia, rendendo ancora più semplice il processo di iscrizione che ha coinvolto un numero sempre più elevato di persone ( come dimostra lo straordinario successo dell’edizione 2016 con ben 230.103 candidature provenienti da 186 paesi).

Sony World Photography Awards comprendono le seguenti categorie: Professionisti, costituita da Arte (Architettura, Fotografia spontanea, Fotografia concettuale, Paesaggio, Ritratto, Fotografia in posa, Natura Morta) e Documentario (Campagne, Storia Contemporanea, Attualità, Vita quotidiana, Ambiente, Persone, Sport); Open, dedicata a fotografi non professionisti giudicati sulla base di un singolo scatto e costituita da 10 categorie (Architettura, Arte e Cultura, Fotoritocco, Luce Soffusa, Natura e Animali, Panorama, Persone, Sorrisi, Frazione di secondo, Viaggio); National Award, che premia le migliori immagini della categoria Open per ognuno dei Paesi partecipanti; Youth, che include tre categorie dedicate a giovani fotografi dall’età compresa fra i 12 e i 19 anni; Student Focus, dedicato agli istituti educativi che tengono corsi di fotografia.

TechPrincess_Sony World Photography Awards_Milano

L’esposizione allestita a Milano esprime un carattere internazionale in cui l’Italia si distingue grazie alla presenza delle opere di nove fotografi italiani, tre vincitori e sei finalisti della categoria Professionisti, Alberto Alicata (Fotografia in posa), Francesco Amorosino (Natura Morta) e Marcello Bonfanti (Ritratto), oltre a due fotografi non professionisti, Christian Massari, vincitore del National Award per l’Italia, e la giovane Anais Stupka, vincitrice nella categoria Youth (Ambiente). Il vincitore del National Award per l’Italia sarà selezionato fra i fotografi provenienti dal Bel Paese che concorreranno nelle dieci categorie Open.

Riconoscimenti danno spazio ai nuovi talenti impreziosendo il portfolio fornendo forti motivazioni per il prosieguo della loro carriera professionale, come dichiara Alberto Alicata: “Grazie alla vittoria ai Sony World Photography Awards il mio lavoro ha avuto una grandissima visibilità. Ho ricevute tantissime richieste di collaborazione e ho capito ancor di più il valore del mio progetto. Sarebbe bello vincere un premio ogni anno!”.

I vincitori assoluti della categoria professionisti, però, verranno annunciato il 20 aprile durante la cerimonia di premiazione che si terrà a Londra. Dal 21 aprile al 7 maggio 2017, poi, sarà possibile visitare la mostra delle opere finaliste e vincitrici presso la Somerset House di Londra.

L’ Arduo compito di assegnare i prestigiosi premi sarà affidato ad una guiria di eccellenza composta da: Zelda Cheatle (Presidente), curatrice (Regno Unito); Allegra Cordero di Montezemolo, curatrice e responsabile mostre del Centro de la Imagen (Messico); Russ O’Connell, picture editor di The Sunday Times Magazine (Regno Unito); Aida Muluneh, fotografa e imprenditrice culturale (Etiopia); Denis Curti, direttore artistico della Casa dei Tre Oci (Italia) e Francoise Callier, coordinatrice del programma dell’Angkor Photo Festival & Workshops (Francia).

I concorsi Open e Youth saranno presieduti dal giornalista e fotografo Damien Demolder (Regno Unito), che valuterà anche il concorso National Awards, aperto a 61 Paesi. Il concorso Student Focus sarà giudicato da una giuria che vede come protagonisti Andrea Kurland, caporedattore di Huck (Regno Unito), e Dan Rubin, fotografo/direttore creativo (Regno Unito) e Jennifer Shaw, fondatrice / direttrice creativa, PhotoNOLA (US).

Zelda Cheatle, Presidente del concorso Professionisti, ha così commentato: “Darò maggior peso all’originalità dell’idea e della realizzazione, alla presenza di una visione precisa – un concetto chiaro che si traduca bene in una foto appesa alla parete o sullo schermo. Una bella fotografia riesce sempre a catturare l’attenzione, che sia per la sua semplicità, per la buona qualità, per una vena umoristica, compassionevole o ingenua, per una coincidenza fortunata o un bel messaggio”.

La campagna annuale di pubbliche relazioni assicurerà ai fotografi vincitori e finalisti una visibilità internazionale di inestimabile valore, con pubblicazioni sulle riviste e sui giornali più prestigiosi al mondo, sui siti web più visitati e sulle testate più importanti del settore fotografico.

Se questo non bastasse i fortunati vincitori potranno godere di una serie di vantaggi, fra cui:
• Set di attrezzature digitali di ultima generazione di Sony
• Un premio di 25.000 dollari per il vincitore del titolo di Fotografo dell’anno
• Un premio di 5.000 dollari per il vincitore della categoria Open
• Set di attrezzature digitali all’avanguardia di Sony per i primi classificati nei National Award
• Partecipazione alla mostra dei Sony World Photography Awards a Londra

Insomma una splendida iniziativa che premia e da spazio ai nuovi talenti.

E voi andrete a vedere la mostra?