Quattro modalità, grande versatilità e tutta la comodità di un dispositivo da 10 pollici dal peso piuttosto contenuto. Sto parlando di Aspire Switch 10, il 2-in-1 dell’azienda di Taipei che sembra nato per accontentare qualsiasi nostra esigenza. Ma come se la sarà cavata sul campo il piccolo notebook di Acer? Ve lo racconto con le ormai classiche 5 parole.

Kafka

Gregor Samsa è uno dei più famosi personaggi della lettura del Novecento. Uno dei più famosi e anche uno dei più sfortunati visto che Samsa, giovane commesso viaggiatore, si risveglia una mattina nelle sembianze di un poco affascinante insetto. Un cambiamento repentino e decisamente non voluto che è stato partorito dalla fervida immaginazione di Kafka.

La metamorfosi però non è sempre qualcosa di negativo e disturbante e a dimostrarlo è Acer Switch 10. Il dispositivo nato a Taiwan infatti si può trasformare a nostro piacimento in pochissimi secondi grazie alla possibilità di combinarlo con la propria tastiera in 3 modi differenti: potete usarlo come normalissimo notebook, potete capovolgere e usarlo in modalità “tenda” per godere al meglio dei vostri contenuti multimediali o potete montarlo “al contrario” per usarlo come comodo stand. Non vi serve più la tastiera? La tecnologia Acer Snap Hinge sfrutta il magnetismo per permettervi di staccarla rapidamente e godervi così il vostro Switch 10 come se fosse un tablet.

Il trasformismo di questo device è per altro facilitato dalle sue dimensioni: 8,9 millimetri di spessore per 1,17 kg di peso. Lo tenete sulle ginocchia in modalità tent senza che vi pesi, lo reggete con una mano sola quando vi serve solo il tablet, lo chiudete e riponete in borsa senza rischiare qualche seduta dal chiropratico per i dolori alla spalla.

Mezzosangue

Processore quad-core Intel Atom Z3735F da 1,33 GHz, 2 GB di RAM, schermo da 10,1 pollici, lettore microSD e porte HDMI e microUSB: il piccolo Switch 10 non si fa mancare nulla. A bordo infatti troviamo tutto il necessario per godere appieno di questo notebook che, grazie alla porta USB posta sul lato destro della tastiera, ci permette di collegare tutti i dispositivi esterni di cui abbiamo bisogno, tra cui stampanti, mouse e hard disk.

Il sistema operativo che permette di sfruttare al meglio tutto l’apparato hardware è Windows 8.1 con le sue caratteristiche da “mezzosangue”. Non temete, non vuole essere un termine dispregiativo, ma la giusta definizione per un sistema che si adatta perfettamente a questo tipo di device: in modalità tablet avete tutta la comodità dei tile e delle applicazioni presenti sullo Store e pensate proprio per i dispositivi touch, mentre attaccando la tastiera potete contare su un sistema completo e compatibile con qualsiasi programma di cui abbiate bisogno.

Lillipuziano

Acer Switch 10 tastiera e schermo

Switch 10 se la cava egregiamente nello svolgere le funzioni più classiche tra quelle che solitamente affidiamo ad un tablet: i contenuti multimediali possono essere fruiti in tutta comodità e contando su un audio abbastanza buono (grazie anche alla posizione frontale degli speaker), la lettura e il gioco sono eccellenti in ogni posizione, la navigazione è sempre rapida grazie all’ottimizzazione di Internet Explorer.

Il discorso però cambia se scegliete il piccolo di casa Acer per lavorare. Il device infatti vanta uno schermo con una risoluzione di 1.366×768 pixel, risoluzione indubbiamente buona per un notebook ma che non ci fa dimenticare che davanti a noi abbiamo un display da 10.1 pollici che rende davvero difficile lavorare per diverse ore su questo dispositivo. I documenti Word finiranno per sembrarvi lillipuziani, Photoshop richiederà ingrandimenti mastodontici e persino Spotify pagherà pegno di fronte a questo schermo. Inutile poi ricordarvi che al display corrisponde una tastiera di dimensioni simili, il che rende poco agevole la scrittura prolungata.

Smemorato

Altra nota dolente è rappresentata dallo spazio. Acer Switch 10 si affida ad un hard disk allo stato solido da 32 GB che si esauriranno in un batter d’occhio. Dopo pochi giorni di utilizzo, senza aver installato alcun programma aggiuntivo, se non un paio di leggerissimi giochi presi dallo Store, e senza aver spostato sul dispositivo file pesanti come film o progetti realizzati con Photoshop, lo spazio rimastomi era poco superiore ai 7 GB.

Complici sia il sistema operativo, sia la quantità di software targati Acer che troverete pre-installati, l’hard disk presente di default su Switch 10 risulta piuttosto inadeguato, anche per chi sceglie di usarlo solo occasionalmente. L’unica soluzione è quindi affidarsi ad una scheda di memoria esterna, visto che non potrete contare sulla costante presenza del WiFi per accedere ai contenuti che siete solite archiviare su cloud.

Gimli

TechPrincess_Acer_Switch10_resistenza

Gimli è un nano. Sì, il nano che accompagna Frodo nella sua avventura ne Il Signore degli Anelli e con il nostro Switch 10 ha in comune una caratteristica fondamentale: dimensioni contenute ma grande combattività.

Il notebook di casa Acer infatti ha una cover realizzata in alluminio e ha un display protetto dal robusto Gorilla Glass 3 per evitare spiacevoli graffi. All’ottima qualità costruttiva si aggiungono poi le buone prestazioni dell’hardware che vi permette di divertirvi o lavorare in tutta tranquillità, nonostante il limite imposto dai 2 GB di RAM.

Completa il quadro una batteria da 5700 mAh che vi sosterrà nel momento del bisogno, quantomeno se siete soliti farne un uso moderato.

Insomma, Acer Switch 10 è un guerriero, capace di accompagnarvi ovunque e di adattarsi a qualsiasi situazione, anche se non è adatto all’uso costante a causa delle piccole dimensioni.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

5 × 3 =