TechPrincess_archaerial_droni_cucinaVengono usati in campo militare, per le riprese aeree e persino per le riprese aeree: ormai i droni sono ovunque e vederli impiegati nei modi più disparati non ci sorprende più. Eppure qualcuno ha avuto un’idea a cui nessun altro aveva ancora pensato: usare questi gadget iper-tecnologici nei ristoranti e nei pub.

LEGGI ANCHE: L’invasione dei droni: tra consegne a domicilio e riprese mozzafiato

L’iniziativa è di Arch Aerial, una startup fondata dal giovane Ryan Baker. 22 anni ma una grande passione per l’archeologia che l’ha portato in Italia per una serie di scavi; qui è nata l’idea di creare una società capace di progettare droni in grado di aiutare gli archeologi di tutto il mondo con i loro scavi. Ovviamente però Ryan, insieme a Ben Martin, Brandon Lee e Steve Fronek, suoi ex compagni di college, ha pensato bene di espandersi sperimentando nuovi usi, tra cui il già citato drone da cucina.

L’esperimento sull’utilizzo di questa tecnologia nei ristoranti è stata condotto nel gastropub Swift’s Attic di Austin (Texas) e i risultati dovrebbero far preoccupare i camerieri di tutto il mondo. I droni, come afferma lo chef Zack Northcutt, non si danno mai malati, sono utili anche in cucina, lavorano tutto il giorno e portano (forse sarebbe meglio dire “trascinano”) fuori la spazzatura.

Non ci credete? Allora guardate il video dimostrativo realizzato dai ragazzi di Arch Aerial.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

4 − 4 =