Babbel, la famosa app che permette di imparare facilmente le lingue, ha recentemente lanciato una nuova applicazione interattiva per Apple Watch.

Grazie al suo approccio innovativo l’applicazione permette di imparare nuovi vocaboli in tempo reale, in funzione dell’ambiente in cui ci si trova. L’utente può così assimilare il vocabolario relativo a diverse situazioni collegate a determinati luoghi – ad esempio il bar, il ristorante, il museo – e integrare così l’apprendimento alla propria vita quotidiana mantendendo alta la motivazione e la costanza.

Apple Watch riunisce l’apprendimento delle lingue ad un contesto sociale reale inaugurando così un nuovo modo di imparare le lingue. – spiega Markus Witte, fondatore di Babbel – I benefici dell’apprendimento contestuale sono noti agli esperti dell’educazione da molto tempo: più si è in grado di collegare un’informazione ad un’esperienza vissuta, più solida ne sarà la memoria. Anche l’apprendimento quotidiano a piccole tappe è uno dei fattori di riuscita. La app di Babbel per Apple Watch apre possibilità tutte nuove in questo settore.

Apple Watch rileva automaticamente la posizione in cui l’utente si trova al momento dell’avvio e gli offre l’opportunità di imparare i vocaboli relativi a ciò che lo circonda. L’app ricorre ad un sistema di geolocalizzazione che sfrutta le API di Foursquare e permette all’utente di localizzare i luoghi pubblici nei dintorni a colpo d’occhio. Basterà trovarsi in prossimità di un luogo per raccogliere ed imparare nuovi vocaboli direttamente legati alle attività relative, in 14 lingue diverse, dall’inglese all’indonesiano.

Un altro aspetto importante dell’applicazione di Babbel per Apple Watch è l’integrazione del meccanismo di motivazione basato sulla psicologia del gioco: potremo andare a caccia di vocaboli tra i vari luoghi proposti dall’applicazione. Basta una microinterazione col proprio Apple Watch per ingrandire la propria collezione di termini corrispondenti al vocabolario di una determinata categoria come “il bar”, “il supermercato”, “il museo” o “l’aeroporto”. L’obiettivo è completare tutte le categorie.

L’app funziona anche senza abbonamento a Babbel ed è già disponibile sull’App Store.

Elena Moroni
Studentessa di lingue e letterature straniere, ha sempre il naso immerso in qualche libro, sia cartaceo che ebook. E' attratta da tutto ciò che può essere considerato tecnologico. Frequentatrice assidua di cinema, fra serie TV e videogiochi sogna di viaggiare lavorando e viceversa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

4 × 1 =