BlaBlaCar, notissimo servizio di ride-sharing attivo da anni anche in Italia, è pronto a sbarcare in India.

Per chi non lo conoscesse, BlaBlaCar è una piattaforma che mette in contatto automobilisti che coprono tratte più o meno lunghe con posti liberi in macchina e potenziali passeggeri. Con il pagamento da parte dei passeggeri, il conducente può ammortizzare le spese di trasporto date dalla benzina o dal casello dell’autostrada. Il servizio è già attivo in tantissimi Paesi europei: Paesi Bassi, Belgio, Lussemburgo, Francia, Germania, Italia, Polonia, Portogallo, Russia, Spagna, Turchia, Ucraina e Gran Bretagna.

I motivi per i quali BlaBlaCar sta per essere esportato in India sono vari e molto validi: la popolazione giovane, la diffusione di Facebook su larga scala, la distanza chilometrica tra le grandi città in un territorio così vasto e il costo relativamente elevato dei trasporti, unito ad una domanda così elevata da costringere i viaggiatori a prenotare un semplice biglietto del bus con settimane di anticipo.

«L’India rappresenta un’opportunità straordinaria per ride sharing: gli automobilisti sono già propensi a ridurre i costi dei viaggi più lunghi condividendone le spese, mentre ai passeggeri mancava, fino ad oggi, un modo pratico per viaggiare su grandi distanze all’ultimo minuto. In questo Paese, BlaBlaCar potrebbe determinare una trasformazione delle modalità di viaggio da città a città ancora più profonda di quella cui abbiamo assistito nei Paesi europei finora» spiega Nicolas Brusson, co-fondatore e COO di BlaBlaCar.

Frédéric Mazzella, co-fondatore e CEO di BlaBlaCar, aggiunge: «L’India è una pietra miliare nel nostro obiettivo di portare il ride sharing su lunghe distanze a tutti i Paesi in cui il trasporto su strada può essere migliorato. Dopo il lancio in Russia e in Turchia dello scorso anno, BlaBlaCar inizia il 2015 con un promettente primo passo in Asia».

«BlaBlaCar è un’eccellenza nel lancio del suo servizio in nuovi Paesi e nella capacità di costruire rapidamente una community di utenti dai profili controllati e affidabili (trusted community). Il ritmo di crescita di ogni nuovo paese è accelerato rispetto al precedente perché l’abitudine al consumo collaborativo continua a diffondersi in tutto il mondo. Vogliamo ora offrire anche agli indiani la possibilità di condividere le spese di viaggio nei loro spostamenti tra città come New Delhi e Jaipur: e aumentare il tasso di occupazione di ogni automobile, ci aiuterà anche a ridurre il traffico»: queste invece le parole di Raghav Gupta, country manager India.

L’ufficio indiano di BlaBlaCar sarà localizzato a New Delhi.

Studentessa di Linguaggi dei Media con la passione per le notizie strane (e spesso inutili). Gamer da sempre, ricorda lunghe sessioni di Tetris alla tenera età di sei anni. Ama ciecamente tutto ciò che è geek o viene dal Giappone e legge qualsiasi cosa, dalle etichette dello shampoo a Game of Thrones.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

15 − 11 =