Un artigiano del pane di Pordenone sogna di portare online un “abbonamento” ai suoi prodotti, e di spedirli ai clienti in una cassetta, quasi come quando una volta si trovava il litro di latte fuori dalla porta. Qui però si tratta di una storia ambientata ai giorni nostri, dove Antonio Follador e la sua bottega del pane di Pordenone sbarcano online.

Così viene inaugurata la seconda stagione della web serie Botteghe Digitali, basata sul progetto di Banca IFIS dedicato alla trasformazione digitale e all’artigianato 4.0.

Firmata da Cristina Redini, regista che ha lavorato con Sky Italia, Discovery Channel e Ducati, racconta il percorso di accelerazione digitale di 11 artigiani provenienti da tutti i settori del made in Italy. Sul canale YouTube di Botteghe Digitali è online proprio la storia di Antonio Follador, selezionato tra oltre duecento partecipanti per essere uno dei protagonisti di Botteghe Digitali.

La sua bottega, Panificio Follador, ha messo a punto il servizio “Pane in Cassetta”, ossia un sistema di “abbonamento” online che consente ai clienti di tutta Italia di acquistare la propria lista di pani e dolci.

 “Botteghe Digitali #2 è stata una nuova grande avventura” dice Cristina Redini. “Abbiamo girato l’Italia per due mesi con una troupe di filmmaker incontrando gli artigiani selezionati. Giorni di grande lavoro e di entusiasmo e con tanta voglia di raccontare e raccontarsi. Il risultato sono delle storie vere. Botteghe Digitali non è una fiction, ma un viaggio “real life” nel mondo dell’artigianato italiano”.

Come continuerà la serie? La seconda puntata sarà online il 24 novembre con la storia di Maurizio Bresesti, l’artigiano del legno. La serie si concluderà a marzo 2018 con la messa online dell’ultima puntata. Botteghe Digitali cerca così di cavalcare il successo della prima edizione che aveva superato 1 milione di visualizzazioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

10 + 19 =