Al Mobile World Congress di Barcellona, BMW ci ha mostrato come in futuro le auto si guideranno da sole attraverso una piccola dimostrazione della guida autonoma di livello 5 (la più avanzata).

Grazie a una BMW i3 (uno dei modelli full-electric del costruttore tedesco) abbiamo potuto “provare con mano” questa esperienza.

Come funziona BMW i3 autonoma?

Il tutto inizia con uno smartphone, attraverso il quale potete chiedere alla vettura di venirvi a prendere in un dato luogo (ciò avviene grazie alla localizzazione GPS fornita dal telefono).

Una volta che la macchina vi avrà raggiunti troverete a darvi il benvenuto una scritta sul vetro che riporta il vostro nome (questo servirà in caso si tratti di un taxi a guida autonoma). Solo dopo aver allacciato le cinture vi sarà consentito avviare BMW i3 direttamente dallo smartphone.

Durante la nostra dimostrazione, l’auto ha guidato in tondo e in un ambiente totalmente sicuro e privo di ostacoli.

Questa dimostrazione è servita per spiegarci cosa ci aspetta in futuro. Ovviamente i veicoli a guida autonoma non sono ancora pronti, ma tutti i costruttori stanno lavorando duramente per raggiungere questo obiettivo.

Intanto BMW sta lanciando Digital Key

Nel frattempo però BMW offre ai suoi clienti diverse soluzioni tech come ad esempio Digital Key, che arriverà nei prossimi mesi. Si tratta di un sistema che permetterà di aprire e chiudere la vostra BMW attraverso l’apposita applicazione. Grazie allo standard NFC inoltre sarà possibile creare cinque copie digitali della chiave che potranno funzionare su altrettanti smartphone.

BMW Digital Key sarà disponibile a partire dal mese di luglio del 2018 e sarà inizialmente compatibile solo con smartphone della famiglia Samsung. In futuro poi verranno implementati altri device di altri brand provvisti di chip NFC.

Fjona Cakalli
Amo la tecnologia, adoro guidare auto/camion/trattori, non lasciatemi senza videogiochi e libri. Volete rendermi felice? Mandatemi del cibo :)