Stando ad un report pubblicato da Metro.co.uk, saranno Tom Hardy e Chris Pine i protagonisti di Call of Duty, film ispirato all’omonimo videogioco di successo pubblicato da Activision. Le indiscrezioni si basano sulle presunte dichiarazioni del regista italiano Stefano Sollima, noto per aver diretto serie quali Romanzo Criminale e Gomorra, che nutrirebbe una particolare ammirazione per il duo Hardy/Pine.

Dopo Soldado, Sollima potrebbe lavorare al film Call of Duty

Tra i progetti imminenti di Stefano Sollima troviamo Soldado, sequel di quel Sicario – diretto da Denis Villeneuve – che nel 2015 ha stregato pubblico e critica, ma alcune voci di corridoio vedrebbero anche un certo Call of Duty sulla sua lista di impegni. Il regista sarebbe infatti il frontrunner per l’adattamento cinematografico dell’arcinoto first-person shooter e, in occasione dell’evento di lancio del suo cortometraggio per Campari (The Legend of Red Hand), avrebbe già svelato le sue preferenze in merito al casting.

A Milano, Stefano Sollima ha infatti espresso il suo sincero amore per il lavoro dei due attori. Per quanto riguarda Tom Hardy, il regista ha ammesso di essere un grande fan della sua filmografia, apprezzando, in particolar modo, la sua interpretazione in Mad Max.

“Amo praticamente tutte le opere in cui (Hardy) ha lavorato. Sto aspettando il suo Venom. Anche in Mad Max è stato grandioso.”

Oltre al camaleontico attore britannico, anche Chris Pine è uno dei beniamini hollywoodiani del regista romano, come deduciamo dalle parole di quest’ultimo:

“È tosto, ma è intelligente e dotato di senso dell’umorismo, ma può anche partecipare in ruoli più drammatici. Adoro quando un attore riesce a recitare in ruoli dai differenti toni e sfumature, questo significa che è un ottimo attore.”

Trattandosi di semplici rumor, come sempre, prendiamo tali informazioni con le pinze, dopotutto la stessa Activision Blizzard non si sarebbe (ancora) esposta in merito alla faccenda. Noi, intanto, speriamo vivamente di poter vedere ancora una volta questo formidabile duo sul grande schermo e di assistere, magari, ad una trasposizione che sia degna della spettacolarità dei più importanti capitoli della serie Call of Duty.