Il Cirque du Soleil – rinomato per i suoi spettacoli di altissima qualità tecnica e artistica – con il tempo è divenuto emblema di eccellenza e perfezione. Viene addirittura citato come case study in uno dei libri di marketing più importanti della storia: Oceano Blu.

Ha messo in scena più di 30 spettacoli – con altrettante  compagnie – in giro per il mondo. Io stessa, da grande appassionata quale sono, ho voluto assolutamente vedere Zed (che purtroppo ha cessato la sua attività) all’interno di Disneyland Tokyo e Zaia all’interno del Casinò The Venecian di Macao.

Tra tutti, “O” è uno degli spettacoli più famosi e suggestivi del Cirque du Soleil. Va in scena dal lontano 1998 nella città del peccato – Las Vegas – ed è ospitato all’interno del Bellaggio. Uno spettacolo acquatico mozzafiato.

Gli artisti – per eseguire i loro numeri – hanno a disposizione una gigantesca vasca in grado di contenere 5 milioni di litri di acqua. Milioni…

Oltre ai 50 artisti in scena ci sono anche 140 tra tecnici e macchinisti (sub compresi) che ogni sera si assicurano che lo spettacolo vada per il meglio.  Per svolgere in  modo impeccabile il lavoro, il personale di scena si affida interamente alla tecnologia e all’esperienza maturata durante gli anni.

Se non credete a quel che sto dicendo vi consiglio di guardare questo documentario andato in onda su DMAX qualche tempo fa. Ne rimarrete stupiti nel sapere quante persone lavorano per rendere possibile uno spettacolo come “O”.

Intanto se decidete di andare a Las Vegas iniziate a raggranellare del denaro per poter andare a vedere questo meraviglioso spettacolo. Purtroppo i biglietti sono molto costosi ma lo spettacolo è davvero una bomba.

Nel frattempo, vi lascio al trailer di “O”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

sedici + tre =