Gli automobilisti al passo coi tempi avranno certamente sentito parlare di Coyote.

Parliamo di una delle più efficienti app mobile dedicate alla segnalazione di autovelox e di pericoli stradali, un eccellente servizio che negli anni è riuscito a conquistare oltre 5 milioni di utenti solo in Europa; e anche una certa società chiamata Apple.

L’azienda francese ha infatti stretto un importante accordo con il colosso di Cupertino, entrando ufficialmente a far parte del programma di sviluppo per CarPlay. In questo modo, Coyote sarà integrata nell’applicazione di Apple per le auto, consentendo a chi sta al volante di controllare eventuali segnalazioni senza distogliere lo sguardo dalla strada.

Coyote + CarPlay per la sicurezza stradale

L’applicazione Coyote offre ai guidatori un pratico servizio che li allerterà in tempo reale circa la presenza di autovelox o di particolari ostacoli presenti sul percorso, affiancando il tutto a un più che valido sistema di navigazione.

Coyote può essere utilizzato tramite un piano d’abbonamento. È possibile provare l’app gratuitamente per 15 giorni, dopodiché sarà necessario scegliere tra la sottoscrizione mensile (5,99€/mese) e quella annuale (49,99€/anno), senza vincoli d’impegno e durata.

L’accordo con Apple arriva a poco più di un mese dal reveal di iOS 12, in occasione del quale la sociertà ha annunciato la nuova compatibilità di CarPlay con le app di navigazione di terze parti. In tal modo il produttore californiano permette agli sviluppatori di introdurre i propri software sulle vetture dotate di un sistema di infotainment compatibile, consentendo agli utenti di scegliere altre app oltre al solito Apple Mappe.

I francesi di Coyote hanno quindi colto la palla al balzo. Al fine di soddisfare le insistenti richieste della sua community, la società rilascerà molto presto la sua applicazione per i sistemi CarPlay e, per l’occasione, lancia una nuova promozione: gli utenti possono ora pagare solo 2,99 euro al mese per usufruire del servizio di navigazione.

A metà strada tra un nerd e un geek, appassionato di videogiochi, cinema, serie TV e hi-tech. Scrivo di questo e molto altro ancora, cercando di dare un senso alla mia laurea in Scienze della Comunicazione e alla mia collezione di Funko Pop.