[Recensione] Google Pixel 2 XL: il super smartphone di Google

Dimenticatevi i Nexus. I primi device progettati direttamente da Google erano pensati in primis per gli sviluppatori e caratterizzati da prezzi contenuti. I Pixel sono tutta un’altra storia e ha dimostrarlo è il nuovo Google Pixel 2 XL, un vero top di gamma che abbiamo avuto modo di stressare per una paio di settimane.

Google Pixel 2 XL: caratteristiche tecniche

Dimensioni: 157.5 x 76.2 x 7.6 mm
Peso: 175 g
Display: 6″ P-OLED – risoluzione 1440 x 2880 pixel
CPU: Qualcomm Snapdragon 835
GPU: Adreno 540
RAM: 4 GB
Spazio d’archiviazione: 64 GB
Rete: 4G LTE
Connettività: WiFi 802.11a/b/g/n/ac, Bluetooth 5.0, NFC, USB Type-C 3.1
Batteria: 3520 mAh
Certificazione: IP67
Fotocamera posteriore: 12 megapixel con apertura f/1.8, OIS, DIS e Dual Flash LED
Fotocamera anteriore: 8 megapixel
Video: 4K @30 fps
Sistema operativo: Android 8.0 Oreo

(Quasi) Perfetto

Google Pixel 2 XL si presenta con un ampio display P-OLED da 6 pollici con formato 18:9, due speaker frontali ed un corpo in metallo arricchito da un inserto in vetro che include la fotocamera e il flash LED, mentre poco sotto troviamo il lettore d’impronte.

Sì, lo so, si è parlato tantissimo dello schermo di questo Google Pixel 2 XL ma non fatevi ingannare. I colori sono tarati in sRGB garantendo tonalità realistiche e naturali ma anche neri profondi. Vi basteranno pochi giorni per abituarvi al cambiamento.

Eccellenti poi le prestazioni di questo smartphone, pensato per supportarvi in qualsiasi compito, che sia guardarsi un film, lavorare, giocare o semplicemente consultare i social network. Certo, fa un po’ storcere il naso la memoria non espandibile, ma tranquilli, Google offre l’archiviazione illimitata di foto e video tramite Google Photo, a patto che compriate lo smartphone entro il 15 gennaio 2021. Sorprendente poi la batteria che, anche sotto stress, vi porta a fine giornata senza troppe difficoltà.

Ad arricchire ulteriormente l’esperienza ci pensa Android 8.0 Oreo, accompagnato dalla possibilità di ridurre a finestra alcune applicazioni, dalle scorciatoie sulle icone, dal nuovo Now Playing e da Google Lens, capace di riconoscere film, libri, monumenti e videogiochi solo analizzando una foto. Immancabile ovviamente anche Google Assistant, ufficialmente disponibile da oggi in italiano.

Impossibile infine non menzionare l’ottima fotocamera posteriore che si è rivelata uno dei punti forti di questo Google Pixel 2 XL. Gli scatti risultano ottimi in qualsiasi condizione di luce grazie alla stabilizzazione ottima e all’HDR+ automatico, con colori naturali e ben bilanciati. A stupire è poi la funzione ritratto visto che Google è riuscita a perfezionare il software eliminando, di fatto, la necessità di una doppia fotocamera. Non male anche il sensore frontale, anche se purtroppo non raggiunge i risultati di quello principale.

Insomma, il nuovo Pixel 2 XL è quasi perfetto. Sì, ho detto quasi. Si fa infatti sentire l’assenza del jack da 3,5 mm, la memoria non espandibile e soprattutto il prezzo. Parliamo di 989 Euro, un costo ben lontano da quelli che hanno reso famosi i device della famiglia Nexus.

Volete saperne di più? Ve ne parlo nella nostra video-recensione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

venti + otto =