Recensione Honor 10: costa poco e performa bene!

Honor 10 è riuscito a conquistarmi fin da subito, merito ovviamente delle performance da top di gamma ma anche del design curatissimo e di una fotocamera che è riuscita davvero a sorprendermi. Vi raccontiamo tutto nella nostra video recensione.

Honor 10 è riuscito a conquistarmi fin da subito, merito ovviamente delle performance da top di gamma ma anche del design curatissimo e di una fotocamera che è riuscita davvero a sorprendermi. Vi racconto tutto quello che dovete sapere su Honor 10 nella nostra video recensione che trovate in apertura di questo articolo.

Honor 10: le specifiche tecniche

Prima di scoprire cosa ho adorato di questo Honor 10, vediamo insieme le caratteristiche tecniche.

Dimensioni: 149 x 71.2 x 7.7mm
Peso: 153 g
Display: 5,84 pollici – FullView con risoluzione 2280×1080 pixel e rapporto 19:9
CPU: HiSilicon Kirin 970
GPU: Mali-G72 MP12
RAM: 4GB
Memoria: 64 o 128 GB
Rete: 4G LTE – Dual SIM
Connettività: Wifi 802.11 a/b/g/n/ac, Bluetooth 4.2, USB Type-C, NFC
Batteria: 3400 mAh
Fotocamera posteriore: 24 MP + 16 MP
Fotocamera anteriore: 24 MP
Video: 4K @30fps
Sistema operativo: Android 8.1 Oreo + EMUI 8.1

Il fascino del Phantom Blue

Honor 10 recensione

Esteticamente Honor 10 non è molto diverso da Honor 9. Ci troviamo così di fronte ad un dispositivo con cornice in metallo e vetro posteriore che, a differenza del suo predecessore, si presenta con il modulo della fotocamera leggermente sporgente. A fare la differenza però è la scelta delle colorazioni. Accanto alle versioni Black e Silver infatti troviamo quelle Phantom Blue e Phantom Green, che si distinguono grazie ad una serie di affascinanti giochi di luce che riusciranno ad ammaliare davvero chiunque.

Ad arricchire il tutto abbiamo il display FullView da 5,84 pollici, accompagnato dall’ormai immancabile notch. Non vi piace? Niente paura. Nelle Impostazioni, sotto la voce Display, trovate i settaggi dedicati alla tacca, così potete scegliere se tenerla oppure oscurarla con una banda nera.

Vi segnalo infine la presenza di un lettore d’impronte frontale, posto questa volta sotto il vetro. Come si comporta? In realtà mi ha generato sentimenti contrastanti. Da un lato infatti potete sfruttarlo anche con le dita sporche o bagnate, cosa che risulta davvero comodissima, mentre dall’altro è risultato talvolta un po’ impreciso e soprattutto scomodo da configurare. Il problema si pone soprattutto per coloro che non hanno le unghie a filo, visto che per registrare la parte superiore dell’impronte dovrete faticare ed insistere parecchio. Comunque non temete. Honor 10 infatti integra lo sblocco tramite riconoscimento facciale, una funzione che ho particolarmente apprezzato per la semplicità e la velocità con cui ci permette di accedere al device.

Un vero top di gamma

Honor 10 recensione

C’è davvero poco da dire sulle prestazioni di questo Honor 10. A bordo infatti abbiamo l’eccellente Kirin 970 che garantisce performance da top di gamma ed una fluidità davvero invidiabile. L’unica pecca è, come sempre, il software. Non fraintendetemi: la EMUI 8.1 è ricca di funzioni comode ed utili, ma purtroppo esteticamente rimane forse un po’ troppo vecchia rispetto alla concorrenza. Insomma, una svecchiata non le farebbe male.

Da lodare poi l’autonomia di questo dispositivo. Honor 10 infatti è in grado di portarci a fine giornata senza troppe difficoltà anche dopo essere stato maltrattato. Per chi invece ne fa un uso medio non dovrebbero esserci problemi a coprire quasi un giorno e mezzo.

Spendo infine due parole sullo spazio di archiviazione di questo smartphone. Honor infatti ha deciso di eliminare la scheda microSD e lasciare solo il doppio slot per la SIM. Una decisione criticata da molto ma che in realtà non ha inciso sul nostro utilizzo. Il taglio da 128 GB infatti è sul mercato ad un prezzo tutto sommato contenuto e permette di ospitare tutti i dati di cui avete bisogno, senza contare che i file notoriamente più pesanti – ossia foto e video – possono essere caricati su Google Foto così da liberare la memoria in caso di necessità.

Una fotocamera intelligente

Il comparto fotografico di Honor 10 mi ha lasciata davvero senza parole. Non per l’hardware a disposizione, composto da un sensore RGB da 16 megapixel ed uno monocromatico da 24 megapixel, ma per la presenza dell’intelligenza artificiale. L’AI Camera di questo Honor 10 infatti è in grado di distinguere 500 situazioni diverse, divise poi in 22 macro categorie. Lo scopo? Ottimizzare i vostri scatti in qualsiasi situazione e condizioni di luce. Il risultato c’è e si vede visto che la maggior parte delle immagini sembreranno frutto degli sforzi di un professionista. Certo, qualche difetto è presente. Qualche volta infatti l’intelligenza artificiale esagera un po’, come capita ad esempio con i prati che diventano quasi fosforescenti, ma in linea di massima otterrete foto davvero incredibili.

Buona anche la fotocamera frontale da 24 megapixel. Ad accompagnarla abbiamo la modalità Ritratto, ormai immancabile, e gli effetti 3D. Quest’ultima servono a gestire l’illuminazione per ottenere selfie di qualità superiore. Insomma, anche in questo caso avrete una qualità simile a quella professionale.

Honor 10: comprarlo o non comprarlo?

Honor 10 è uno degli smartphone più accattivanti di questo 2018. Il device stupisce grazie alle splendide colorazioni ideati dall’azienda, ma convince anche per le ottime prestazioni e per la resa della fotocamera posteriore. Da non dimenticare poi l’eccellente autonomia.

Tutto questo ad un prezzo incredibilmente competitivo. La versione da 64 GB infatti viene venduta a 399 Euro mentre quella da 128 GB arriva a 449 Euro. A mio avviso un vero affare.