Huawei torna ad essere protagonista di alcune delle principali maratone italiane, confermando l’importanza che l’azienda attribuisce allo sport e alle passioni delle persone. Il brand ha deciso infatti di stringere alcune partnership fondamentali per promuovere il concetto di performance e di allenamento costante per raggiungere uno specifico obiettivo.

Per questi motivi, ecco il calendario di eventi a cui Huawei parteciperà in varie vesti nei prossimi mesi. L’azienda sarà Title Sponsor della Huawei Venicemarathon (22 ottobre 2017) e della mezza maratona Roma-Ostia (11 marzo 2018), mentre sarà Premium Sponsor e Mobile Partner dell’Asics Firenze Marathon (26 novembre 2017), dell’Acea Maratona di Roma (8 aprile 2018) e della EA7 Emporio Armani Milano Marathon (8 aprile 2018).

La presenza di Huawei a manifestazioni sportive di risonanza nazionale conferma l’impegno
della multinazionale cinese ad offrire soluzioni in grado di fissare standard sempre più elevati. Lo sport rappresenta un’occasione di confronto importante per mettersi alla prova e migliorare le proprie prestazioni: competitività, determinazione e impegno sono valori che l’azienda ha posto al centro della propria mission, improntata alla filosofia del “Make it Possible”.

Siamo fermamente convinti dell’importanza dello sport come propulsore per migliorare le proprie prestazioni. Per questo, Huawei è felice di annunciare di essere partner dei più importanti eventi di running italiani, un’occasione imperdibile per stare al fianco di chi mette l’impegno e la determinazione al primo posto per raggiungere risultati importanti”, commenta Lindoro Ettore Patriarca, Director Huawei Consumer Business Group Italia.

CONDIVIDI

Player da quasi 20 anni, a dispetto di nonne, nonno e zie. Se il primo amore non si scorda mai, chi si dimentica di Sir Daniel Fortesque? (salvo poi essere rimpiazzato da Squall, ma quanto è simpatico Crash?!)
Appassionata di social, digital e qualsiasi cosa in evoluzione. Ah già, anche di videoludico.
Ho cominciato nelle peggiori sale gioco per finire sulla multitasking PS4.
Femminista? Forse. Gamer girl? Che importa, basta che ci sia da giocare.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

16 − 2 =