Per TCL è una bella sfida. Fino ad oggi abbiamo sempre presentato TV entry level, quindi prodotti tecnologicamente avanzati e tecnicamente perfetti ma comunque di fascia media. Stiamo però cercando di fare quel passo – obbligato – che tutti i marchi hanno ormai fatto“.

Roberto Poni, Key Account Manager di TCL Multimedia, mi spiega così l’entrata dell’azienda nel settore delle Premium TV. Il colosso cinese ha infatti presentato all’IFA di Berlino il nuovo televisore curvo Xclusive X1 Series QUHD 4K.  Un nome lunghissimo che però ben descrive il prodotto. Questo nuovo TV da 65 pollici sfrutta infatti la tecnologia Quantum Dot e l’HDR upconversion così da garantire immagini nitide e con una risoluzione sempre altissima; il tutto in uno spessore di soli 17,4 mm, il che lo rende il televisore HDR Local dimming più sottile sul mercato.

TechPrincess_IFA2016_TCL_QuantumDot

Anche il comparto sonoro è pensato per essere premium, tanto da aver spinto TCL ad integrare un sistema audio a 3 canali sviluppato in collaborazione con JBL, così sarete certi di avere un’ottima resa senza dovervi affidare ad altoparlanti esterni. Termina la panoramica Android TV 6.0, un sistema operativo che coniuga la ricchezza delle applicazioni con le funzionalità di ricerca vocale e di Google Cast.

A Roberto faccio quindi notare che non si sono risparmiati con questo Xclusive X1: “La politica di TLC è sempre stato questa: io sono un produttore, ho la tecnologia e di conseguenza tutti i miei prodotti dovranno avere sempre specifiche aggiornate.

Sulla carta insomma il nuovo televisore di punta di TCL sembra essere in grado di competere con i grandi marchi presenti sul mercato. Chiedo quindi a Roberto Poni perché un consumatore dovrebbe scegliere il nuovo Xclusive X1 piuttosto che una TV della concorrenza che magari ha caratteristiche molto simili: “Prima di tutto perché TCL è un produttore. Non lascia niente al caso ed è sempre ‘sul pezzo’ per quanto riguarda le ultime tecnologie. E poi ovviamente il costo. Non dovendo supportare tutti quegli investimenti che altre aziende fanno, da questo punto di vista TCL ha maggiore spazio“.

Xclusive X1 arriverà quindi in Europa nel corso dell’ultimo trimestre del 2016 al costodi 3999 Euro, un prezzo molto aggressivo che punta a conquistare nuovi consumatori e rubare quote di mercato alle grandi multinazionali.

TechPrincess_IFA2016_TCL_TV_XclusiveX1

Questo però non significa che il produttore cinese si dedicherà esclusivamente ai televisori Premium: “Sicuramente continueremo a fare attenzione alla fascia più bassa, a cui affiancheremo televisori come l’Xclusive X1. In futuro ad esempio vorremmo introdurre l’8K, quanto meno in tempo per le Olimpiadi del 2020, quando si prevede inizieranno ad esserci trasmissioni che usano questa risoluzione“.

Insomma, TCL sembra pronta ad abbandonare gradualmente il marchio Thomson – di cui è licenziataria – per dare spazio a prodotti che diffondano il marchio e la filosofia dell’azienda, una filosofia che sembra fare dell’ottimo rapporto qualità-prezzo il suo punto di forza.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

dodici − otto =