L’azienda inglese Kazam ha deciso di invadere – pacificamente ovviamente – il mercato italiano della telefonia. In Inghilterra, e nel resto del mondo, Kazam opera con successo da oltre di 15 anni. Forte della sua esperienza, lancia sul nostro mercato un bel “pacco bomba” di nome Kazam Tornado 348.

Io l’ho avuto tra le mani per più di una settimana e vi racconterò la mia esperienza; come si confà a una princess, lo farò scegliendo 5 parole che più rappresentano il prodotto: impalpabile, frigorifero, servizievole, discreto e accessibile.

Impalpabile

Kazam Tornado 348 è un cellulare che letteralmente stato messo in una pressa, di quelle industriali. Il suo spessore è di soli 5,15 mm, praticamente uno degli smartphone più sottili al mondo. Per farvi un’idea, provate ad impilare 7 tesserine di plastica – le fidelity card per intenderci – per ottenere lo spessore di Tornato 348. Altro punto a favore è il peso: solo 100 grammi. (Per fare qualche esempio: Samsung Galaxy S5 pesa 148 grammi e Nexus 5 ne pesa 130)
Praticamente uno smartphone quasi impalpabile: se non fate attenzione vi dimenticherete di averlo e lo crederete subito smarrito, con conseguente panico da “oddio ho perso il telefono”.

Leggerezza e spessore da record accontenteranno molti, ma sono convinta che molti altri tipi di utenti vogliono avere qualcosa di più consistente in mano. Diciamo quindi che i 100 grammi x 5,15 millimetri devono piacere.
Kazam Tornado 348 ha uno schermo AMOLED da 4.8 pollici con risoluzione 1280 x 720 ed è disponibile in 2 colori: nero e bianco con eleganti profili color champagne. Le linee di questo smartphone sono molto morbide ed essenziali: niente fronzoli non richiesti.

Frigorifero

Kazam Tornando 348 – con sistema operativo Android 4.4.2 KitKat – è dotato di processore MT6592 True Octa-core prodotto dalla taiwanese MediaTek. Questo tipo di processore a 8 core ha delle performance elevatissime ed è uno tra i più veloci. Nonostante l’utilizzo prolungato, la temperatura raggiunta dal processore si attesta al massimo intorno ai 38 gradi. Praticamente un mini-frigorifero se paragonato ad altri processori che, durante prolungati utilizzi, raggiungono anche 65 gradi. Il processore di Kazam Tornado 348 quindi si fa decisamente valere rispetto a quelli della concorrenza mantenendo sempre alte sia le prestazioni sia la durata della batteria (potrete tirare avanti una giornata intera con una carica anche con un utilizzo intenso).

Inoltre il ridottissimo spessore è inversamente proporzionale alla resistenza: il telefono infatti è dotato di vetro Gorilla Glass 3 sia anteriormente sia posteriormente.

La fotocamera posteriore da 8 megapixel (in formato 4:3) si comporta molto bene di giorno – in ambienti luminosi – contrariamente presenta qualche piccolo problemuccio dal crepuscolo in avanti: le foto scattate di sera infatti hanno molto rumore. La fotocamera anteriore invece  ha un’ottima resa grazie ai suoi 5 megapixel. Amanti delle selfie gioite: se riuscite a far scomparire il braccio, nessuno si accorgerà che si tratta di una selfie.

Di seguito potete vedere una foto scattata di giorni (durante una meravigliosa giornata di pioggia) e una scattata al crepuscolo. Giudicate voi.

prova fotocamera Kazam Tornado 348 di giorno prova fotocamera Kazam Tornado 348 di giorno di sera

Fin qui tutto bene: ha un processore a 8 core molto veloce e performante, è fresco, è molto veloce, è sottile e resistente.

A mio avviso però questo device ha alcune piccole pecca: la mancanza del 4G/LTE, l‘audio in chiamata un po’ basso e l’impossibilità di espandere la memoria interna da 16 GB vista l’assenza dello slot per la micro-SD.

L’audio basso in chiamata è un handicap non da poco perché quando si ricevono telefonate per strada oppure in luoghi molto rumorosi si fa davvero fatica a comunicare con l’interlocutore. Tutto cambia invece se utilizzate gli auricolari: in questo caso, l’audio è fin troppo alto.

Servizievole

Kazam è servizievole, pronto a rendersi utile e ad aiutare coloro gli hanno dato fiducia ma soprattutto denaro garantendo la sostituzione del vetro entro 12 mesi in caso di rottura, 3 anni di garanzia e l’assistenza da remoto.

I centri già operativi dove sarà possibile riparare il device sono 152 dislocati in tutta Italia. Inoltre, la maggior parte delle problematiche – circa l’80% – possono essere risolte in remoto. Cosa significa ciò? All’interno del dispositivo è presente un app pre-installata chiamata Kazam Rescue. Prima di tutto bisogna iscriversi sul sito di Kazam, registrare il prodotto, ottenere un codice PIN e poi lanciare l’app Rescue. Il tecnico potrà connettersi al vostro telefono per cercare di risolvere la problematica. Direi che si tratta di un ottimo modo di approcciarsi ad un cliente non tanto esperto. Molto spesso capita che le persone, per risolvere problemi, creino pasticci peggiori. Ricordate quando in giovane età magari un vostro anziano nonno vi disse: “Ho fatto un po’ di pulizia sul computer cancellando file inutili. C’era una cartella che pesava tantissimo e si chiamava System. Però ora il computer non si accende più“. Ecco appunto, mi riferivo proprio a questo genere di utenti.

Discreto

Torando 348 è dotato di alcuni fronzoli che potrebbero non dispiacervi. Per esempio la modalità Ospite – quando attivata – nasconderà il registro, chiamate album, note e inibirà qualsiasi modifica che desktop. Ciò significa che il fatidico “mi presti il telefono un secondo, per piacere?” non sarà più un momento di terrore per noi. Altra cosa utile e simpatica è lo sblocca schermo con sorriso: il telefono riconoscerà il vostro viso e sbloccherà lo schermo solo se vedrà il vostro volto. Per aggiungere un altro po’ di sicurezza potete decidere che al volto sia aggiunto un battito di ciglia. Alcatraz gli fa un baffo.
Da brava burlona ho provato a far vedere al cellulare decine di foto diverse che mi ritraggono e non si è mai sbloccato. Direi quindi il sistema di Kazam funziona perfettamente.

Accessibile

Vi ho raccontato tutte le caratteristiche possibili e immaginabili di Kazam Tornado 348 ma non vi ho ancora svelato una cosa importante: il prezzo. Va bhe dai, ve lo dico: con 299 euro potete portarlo a casa. Non è un prodotto perfetto ma è sicuramente accessibile: sono certa che metterà molte persone nelle condizioni di possedere un telefono di ultima generazione spendendo poco, molto poco.

Risulterà particolarmente adatto per tutti quelli che decidono di approcciare il mondo degli smartphone e che, colti magari da qualche timore, non vogliono spendere troppo.

Nonostante la la fotocamera “titubante”e l’audio in chiamata un po’ “sottotono” con Kazam Tornado 348 non passerete di certo inosservati. Assolutamente consigliato.

Se sei interessato a questo prodotto acquista qui

pro e contro di telefono Kazam Tornado 348

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

19 − sei =