microsoft

Il nuovo studio Microsoft The Initiative ha da poco aggiunto alla sua schiera di talenti anche alcuni nomi provenienti da altri studi, tra cui Santa Monica Studio, Rockstar e Crystal Dynamics. 

LEGGI ANCHE: Xbox Scarlett: il futuro di Microsoft è nello streaming dei videogiochi?

L’annuncio dell’acquisizione di talenti da parte di Microsoft

L’acquisizione da parte dello studio Microsoft di nuovi giovani talenti è stata inizialmente annunciata sul social LinkedIn dal capo dello studio Darrell Gallagher. Poco dopo la pubblicazione di quest’ultimo, però, il post è stato velocemente cancellato. Nonostante la velocità del processo, però, uno screenshot ha permesso a tutti gli interessati di leggere le poche righe pubblicate dal direttore.

microsoft

All’interno del post pubblicato da Gallagher vi era anche un annuncio riguardo ad una possibile opportunità di lavoro, secondo cui lo studio The Initiative sarebbe attualmente alla ricerca di un Art Director e un Technical Director.

Attualmente non è ancora noto il motivo esistente dietro all’eliminazione dell’annuncio, ciò che è certo è che tutti gli interessati hanno immediatamente condiviso sui loro rispettivi profili le nuove posizioni lavorative ricoperte.

I nomi dei promettenti nuovi arrivati

Ad ottenere un posto all’interno del team dello studio Microsoft The Initiative sono stati quattro talenti, già noti per i loro contributi e ruoli svolti nei precedenti team: Brian Westergaard, produttore dell’ultimo God of WarChristian Cantamessa di Rockstar, Daniel Neuburger da Crystal Dynamics e Blake Fischer, direttore senior in Microsoft.

Ulteriori aggiunte al team saranno rappresentate dall’arrivo di Annie Lohr, conosciuta per i suoi lavori in Riot, Respawn e EA, e Lindsey McQueeney di Crystal Dynamic, che dovrà rivestire il ruolo di responsabile delle risorse umane e della cultura presso The Initiative.

Stando alle posizioni pubblicate dalle “nuove reclute” sui profili LinkedIn personali, sembrerebbe che soltanto Cantamessa sia destinato a confermare il suo già precedente ruolo di consulente narrativo. Incerte sono invece le nuove posizioni di Neuburger e Westergaard.