microsoft teams

Microsoft teams, strumento di collaborazione firmato dall’azienda omonima e basato sulla chat, è stato recentemente rilasciato in una versione gratuita dedicata alle piccole e medie imprese.

LEGGI ANCHE: Microsoft News, il motore di ricerca di notizie per smartphone e PC

Il successo di Microsoft Teams si ripropone

Lanciato a marzo dello scorso anno, fin dal rilascio Microsoft teams ha registrato numeri da capogiro, grazie alle oltre 200.000 aziende in ben 181 mercati che hanno deciso di utilizzare il servizio compreso con Office 365.

A farne il successo sono state le funzionalità proposte dal programma, che lo rendono facilmente capace di competere con le Chat di hangouts di Google o l’Area di Lavoro di Facebook.

Teams permette infatti di racchiudere chat, riunioni, file e app tutte in unico posto, in modo tale da averle sempre a portata di mano e facilmente raggiungibili.

La versione gratuita del programma

Le caratteristiche di Microsoft Teams lo rendono perfetto soprattutto per scopi lavorativi e per le aziende ma, a causa del suo prezzo, il programma risultava non essere alla portata di tutte le società. Nonostante tutto, l’azienda stessa aveva affermato di non essere intenzionata a rilasciare una possibile versione gratuita.

Alcuni rumor avevano però ipotizzato comunque l’arrivo di un’edizione più “a portata di mano”, ma senza poter fornire certezze. A fornire la conferma è stata, proprio oggi, la stessa Microsoft, che ha voluto permettere anche alle aziende più piccole di sfruttare le funzionalità di Teams.

Ovviamente la versione gratuita del programma è costretta da alcune limitazioni, ad esempio lo spazio di archiviazione di gruppo bloccato a 10 GB (più 2 GB per l’archiviazione personale di ogni membro) e il numero massimo di partecipanti ad un gruppo (fissato a 300 persone).

Per riassumere al meglio le caratteristiche del programma e fare un confronto con altre possibilità, Microsoft ha pubblicato questa slide chiarificatrice:

microsoft teams

Come riportato, quindi, non ci saranno limiti all’integrazione con le app di Office Online o di terze parti, così come per la ricerca, la chiamata e il supporto linguistico.