Inizia domani la Milan Games Week, il principale appuntamento italiano per gli appassionati di videogiochi, in programma da venerdì 29 settembre a domenica 1 ottobre. Ad attendervi però non c’è solo una fiera pensata per giovani ed adulti, ma anche l’area Family dedicata ai più piccoli e alle loro famiglie.

Questa edizione in particolare darà largo spazio al coding, permettendo ai bambini di esplorare il mondo della robotica e della programmazione grazie ai laboratori di MasterCoder e ai robot Ubtech. Non mancano nemmeno balli, musica con Alpha 1S, sfide tra robot Tankbot e robot dance, laboratori di costruzione, corsi di coding e Scratch per bambini dai 6 ai 13 anni.

L’Ordine degli Psicologi della Lombardia invece offrirà seminari di 45 minuti dedicati ai ragazzi. Il tema generale sarà “Avatar: chi è il mio personaggio?” e si articolerà in 3 interventi diversi:
– “Sviluppare le abilità emotive e sociali: opportunità dei videogiochi“, previsto per il 29 settembre;
“Mente e Videogiochi: allenare e potenziare le abilità cognitive“, programmato per sabato 30 settembre;
– “Video giochi in Realtà Virtuale: l’esperienza del giocatore e le innovazioni per il benessere“, che si terrà domenica 1 ottobre.

I seminari si terranno tutti in mattinata, mentre al pomeriggio troverete dei laboratori dove i ragazzi dai 14 anni in su potranno creare un avatar e discuterne insieme ad uno psicologo utilizzando il gioco Miitopia.

Tornano poi le App Family, un’area dedicata a 5 studi di sviluppo italiani che hanno creato altrettante app e videogiochi per bambini:

  • Noah’s Ark Animalibrium di Lola Slug, un titolo ispirato ai classici giochi di equilibrio in legno e che sviluppa la coordinazione occhio-dita, il senso dell’equilibrio e la concentrazione del bambino. È adatto per i bimbi dai 3 ai 5 anni.
  • Polpetta & Amici Magic Puzzle di Grugnostudios, un gioco in stile puzzle ad incastri magnetici con i personaggi e le scene della serie a cartoni animati Polpetta & amici. Il gioco consiste nel completare il disegno mettendo i personaggi al loro posto nella scena. Si può scegliere tra sei differenti scenette con le musiche e le voci originali del cartone animato; il target in questo caso è il pubblico pre-school.
  • Art stories nell’Antico Egitto di Art Stories, un’app che porterà i ragazzi tra piramidi e faraoni, mummie e geroglici, alla scoperta dell’Antico Egitto e della sua storia.
  • LiLoTito, acronimo di Listen, Look, Think, Touch,  è invece pensato per i bambini dai tre ai sette anni e porta il lettore/giocatore dentro le fiabe classiche raccontate attraverso tavole interattive. Sviluppato da Vallaround, è un ottimo esempio di edutainment dove il touch rappresenta l’ultimo anello di un processo cognitivo che sollecita continuamenti il bambino a concentrarsi.
  • Mash&Co racconta la storia d’amicizia tra Mash e Periwinkle. Attraverso cartoni interattivi e giochi i bambini imparano episodio dopo episodio i valori della condivisione e il rispetto per la natura. Anche i genitori potranno seguire i progessi dei più piccoli attraverso un pannello dedicato.

Focus Junior ha inoltre organizzato il laboratorio “Diventa giornalista”, per i ragazzi delle scuole primarie e secondarie di primo grado che potrebbe cimentarsi nella redazione di un vero giornale.

Nell’area Milan Games Week Family troverete anche lo stand Mondadori Store, dove potrete acquistare libri, musica e fumetti, e quello di LEGO Life, la nuova esperienza social per gli under 13. Non mancano poi gli stand di Cartoon Network, che proporrà divertenti attività, quello di Micro Machines World Series e VARTA, dove troverete i totem con cui sfidarvi ai titoli del momento. Nella giornata di sabato 30 settembre due cosplayer animeranno l’area: l’ex cattivo Gru e il Minion Mei di Cattivissimo me 3, giocando con i bambini presenti.

Insomma, non avete scuse per mancare!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

tre × cinque =