Al NAIAS (North American International Auto Show) Ford ha rivelato alcune novità, a partire dal nuovo pick-up F-150. Più efficiente che mai ed è equipaggiato con tecnologie assolutamente nuove per il segmento: il Pre-Collision Assist with Pedestrian Detection, l’Adaptive Cruise Control with Stop and Go, il SYNC 3, l’impianto audio B&O PLAY e un modem 4G LTE integrato.

La nuova generazione del Ford Ranger sarà invece reintrodotta sul mercato nord americano nel 2019, mentre Ford Bronco, il SUV intermedio, farà il suo ritorno sul mercato globale nel 2020.

Joe Hinrichs, Presidente di The Americas di Ford, ha dichiarato: “Ranger è pensato per incontrare le esigenze dei consumatori che vogliono un pick-up accessibile, funzionale, robusto e maneggevole, costruito con l’approccio ‘Built Ford Tough’. Bronco, invece, il SUV intermedio a trazione integrale sarà dedicato agli amanti delle emozioni, che vorranno vivere l’avventura della guida al di fuori delle strade cittadine”.

Le novità non finiscono qui: Ford annuncia anche la vision City of Tomorrow, un programma per lo sviluppo di soluzioni per la gestione della mobilità nelle città globali. Infatti l’azienda prevede di espandersi in altre 8 città, di cui una al di fuori degli USA, oltre che offrire un servizio di shuttle su base collettiva, già operativa a San Francisco e Austin. Questo fornisce ai pendolari una soluzione di trasporto di massa veloce, affidabile e conveniente, sottolineando sia l’impegno di Ford al consolidamento del proprio core business, sia il sostegno allo sviluppo di soluzioni alternative per la mobilità delle grandi realtà globali.

Quest’anno, il processo di trasformazione di Ford per affiancare al ruolo di costruttore d’auto quello di provider di soluzioni di mobilità alternativa ha cambiato marcia – ha commentato Mark Fields, President e CEO di Ford. – Stiamo introducendo nuovi veicoli e tecnologie innovative per migliorare le condizioni di vita di milioni di persone nel breve e stiamo collaborando con le grandi realtà metropolitane per studiare i bisogni della mobilità attuale e futura”.

Il progetto esamina come i progressi della mobilità a breve raggio, inclusi i veicoli autonomi, elettrici e connessi, il ride-sharing e i servizi di shuttle on-demand, siano in grado di interagire con le infrastrutture urbane e creare un ecosistema di trasporto.

Ulteriori novità da parte di Ford riguardano la sperimentazione della guida autonoma con una nuova generazione di prototipi basati sul modello Fusion, il cui lancio ufficiale è confermato per il 2021.

Inoltre, entro i prossimi 5 anni, Ford si aspetta l’introduzione dei veicoli autonomi nelle città di tutto il mondo. Questo processo include l’inserimento dei primi veicoli completamente autonomi di Ford nel 2021. Allo stesso tempo si prevede una crescita continua della gamma dei veicoli elettrici, che entro i prossimi 15 anni potrà superare l’offerta dei modelli alimentati a carburanti fossili.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

10 + 5 =