PhoneDrone è un prodotto rivoluzionario sviluppato da xCraft, in attesa di brevetto e in cerca di fondi su Kickstarter, che permetterà a chiunque abbia uno smartphone di trasformare quest’ultimo in un robot volante.

Avete capito bene: posizionando semplicemente il nostro telefono a bordo di PhoneDrone, avremo davanti agli occhi un vero e proprio drone personale.

LEGGI ANCHE: Zano: il mini-drone più sofisticato al mondo

PhoneDrone, che ha un’autonomia massima di volo di 20/25 minuti, ritorna da solo quando le batterie si stanno scaricando e, grazie allo strumento di gestione e pianificazione integrato nell’app, si potranno controllare l’altitudine e la posizione del dispositivo per gestirne al meglio il percorso. Grazie alla stessa applicazione, potremo vedere in tempo reale, su un altro dispositivo mobile a nostra scelta, lo streaming video o le foto scattate direttamente dal nostro telefono.

25c542298c27dead8c1fcb56a20805cf_original

PhoneDrone potrà essere utilizzato in mille modi diversi: potrebbe essere la nostra cam personale mentre facciamo bungee jumping o arrampicata, potrebbe registrare video delle vostre proprietà immobiliari (aumentando il livello di sicurezza per prevenire i furti in casa). E finalmente grazie a lui, potremmo anche sbarazzarci una volta per tutte dell’antiestetico bastone da selfie!

PhoneDrone ha subito catturato la mia attenzione perché è conveniente e facile da usare: i file infatti saranno già presenti sul telefono e pronti per essere condivisi con i nostri amici in un batter d’occhio.
Ma è anche comodo e leggero, con tanto di bracci pieghevoli per rendere più semplice e compatto il suo trasporto.
Si ricarica da qualsiasi sorgente USB ed è compatibile con tutti i dispositivi iOS e Android di ultima generazione (iPhone 4S, 5, 5C, 5S, 6, 6 Plus, Samsung Galaxy S II, ecc.).

phonedrone

La xCraft è sicuramente un’azienda da tenere d’occhio: sta infatti lavorando non solo per incorporare sensori ad ultrasuoni che permetteranno a PhoneDrone di vedere ed evitare gli ostacoli durante il volo, ma anche per inserire nel dispositivo il controllo remoto attraverso la Gesture Recognition, ovvero grazie ai movimenti della mano.

Voi cosa ne pensate di questo drone?

Marina Belli
Molti tatuaggi e una laurea magistrale in Informatica Umanistica. Dopo un anno e mezzo di dottorato di ricerca in Interazione e Ambienti Virtuali sono scappata a New York. Una volta tornata, ho iniziato ad occuparmi a tempo pieno di web e social media. Toglietemi tutto ma non i miei libri e il mio gatto.

2 COMMENTI

  1. salve, vorrei capire se questo drone ha bisogno di un wifi per funzionare o no. e se questi sensori aggiuntivi, verranno messi su questa prima versione o no, visto che vorrei i comprarlo su kickstarter. grazie

    • Non ha bisogno del wireless, ma crea in autonomia una connessione senza fili tra il drone e lo smartphone.
      Per quando riguarda i sensori hanno solo dichiarato che ci stanno lavorando, ma non si hanno notizie certe.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

quattro + diciotto =