“Io sono un principe libero e ho altrettanta autorità di fare guerra al mondo intero quanto colui che ha cento navi in mare”.

Questa citazione del pirata britannico Samuel Bellamy è riportata sulla copertina di Le Nuvole, uno dei dischi più belli di Fabrizio De André. È a questa frase che si ispira il biopic dedicato al celebre cantautore genovese, in arrivo nel 2018 sul piccolo e grande schermo italiano, grazie alla pellicola diretta da Luca Facchini.

Principe Libero: Luca Marinelli interpreta Fabrizio De André

Principe Libero fabrizio De André film luca marinelliFabrizio De André: Principe Libero è il titolo del lungometraggio che vedrà protagonista Luca Marinelli nei panni di uno dei più grandi cantautori di tutti i tempi.

Il film racconterà l’avventura di Faber, dagli anni passati a Genova, passando per il rapporto con la famiglia e con gli amici, quelli più vicini come Paolo Villaggio e quelli più distanti, come Luigi Tenco. Non mancheranno i suoi più grandi successi, alcuni dei quali sono raccontati attraverso le prime timide esibizioni dal vivo. Il viaggio si concluderà con le drammatiche vicende legate al suo rapimento e il successivo ritorno sulle scene.

Principe Libero, co-prodotto da Rai Fiction e Bibi Film, è scritto da Francesca Serafini e Giordano Meacci, con la regia di Luca Facchini e interpretato da Luca Marinelli, Valentina Bellé, Elena Radonicich, Davide Iacopini e Gianluca Gobbi, con la partecipazione straordinaria di Ennio Fantastichini. Il film arriverà in anteprima nei cinema italiani per due soli giorni, ovvero il 23 e il 24 gennaio, con la distribuzione di Nexo Digital; andrà successivamente in onda a febbraio su Rai 1.

Quella di Fabrizio De André è una figura affascinante, che viene descritta alla perfezione dalle due parole che compongono il titolo del film, ‘Principe’ e ‘libero’. Allo stesso tempo, tuttavia, parliamo di un personaggio piuttosto complesso, difficile da raccontare attraverso una “semplice” pellicola cinematografica, ma va senz’altro apprezzata la scelta di Luca Marinelli per il ruolo di protagonista, note le brillanti performance dell’attore romano in film come Non essere cattivo e Lo chiamavano Jeeg Robot.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

14 − 14 =