Recensione Asus Zenfone 4, lo smartphone con fotocamera grandangolare

Asus Zenfone 4 è il nuovo smartphone di medio/alta gamma lanciato dall'azienda taiwanese. Performante e con doppia camera, non è un camera phone

Asus Zenfone 4 è il nuovo smartphone di fascia medio alta presentato dall’azienda taiwanese. Buon processore, UI rinnovata, tanta attenzione anche al design e doppia fotocamera!

Massima attenzione al design e giochi di luce

Asus Zenfone 4 è realizzato interamente in vetro ed alluminio. Il back panel, poco oleofobico e molto scivoloso, offre dei giochi di luce grazie al riflesso sul vetro protettivo. L’azienda ha puntato molto sul design del suo nuovo smartphone ponendo massima attenzione a dettagli come la presenza di doppia fotocamera a filo con il pannello posteriore ed assolutamente non sporgente. In linea di massima, le linee estetiche non sono granché differenti rispetto a quelle di molti competitor, la differenza sta certamente nella cura dei dettagli costruttivi e nella selezione dei materiali utilizzati.

Non è un display borderless, ma il lettore d’impronte digitali è ben posizionato

Il nuovo smartphone di Asus mantiene i bordi superiori ed inferiori, ma il comodo posizionamento frontale del lettore d’impronte digitali ne giustifica la presenza. Per il resto, sul frontale spicca un display con rapporto standard 16:9. Si tratta di uno schermo da 5,5″ IPS LCD con risoluzione Full HD. Molto luminoso, e ben visibile in tutte le situazioni, la regolazione automatica della luminosità aiuta ad ottimizzare costantemente le prestazioni del display. Inoltre, dalle impostazioni è possibile anche regolare la suite di colori preferita e le dimensioni del carattere.

Qualcomm Snapdragon 630, un processore equilibrato sotto ogni aspetto

La scheda tecnica di Asus Zenfone 4 è caratterizzata dalla presenza di un cuore d’eccellenza: l’ottimo processore Qualcomm Snapdragon 630. Un octa core potente (massima frequenza 2,2 ghz), in grado di controllare i consumi energetici. A supporto, 4GB di memoria RAM e 64GB di storage interno.

La GPU integrata nel Soc è Adreno 508, che garantisce interessanti esperienza di gaming e nessun problema nella fruizione di contenuti multimediali. Complice l’audio stereo, non della massima qualità, ma abbastanza alto.

Zen UI 4.0, finalmente un’interfaccia più snella e fluida

Asus Zenfone 4, a livello di sistema operativo, è equipaggiato con Android Nougat 7.1. La celebre interfaccia utente degli smartphone Asus arriva su Zenfone 4 nella versione 4.0. La più grande novità in ZEN UI 4.0, per la felicità degli utenti, è l’eliminazione dei tanti bloatware (ovvero applicazioni preinstallate e non sempre eliminabili) che normalmente invadevano qualsiasi device dell’azienda taiwanese.

La UI è stata anche “svecchiata” risultando più piacevole, oltre che fluida. Durante la mia prova, ho ricevuto un update di dimensioni importanti che ha contribuito a ridurre i lag che ogni tanto ho rilevato durante l’utilizzo di alcune applicazioni (in particolare l’app ufficiale di Facebook).

Batteria ampia, ma non sufficiente per il momento

Asus Zenfone 4, seppur abbastanza sottile, ha una batteria integrata da 3300 mAh. Sembrerebbero sufficienti a garantire allo smartphone una buona autonomia energetica, soprattutto considerando che il display è da “appena” 5,5″.

In realtà, il device non mi ha permesso di coprire una giornata di uso intenso (mail in push e molta attività social) se non usufruendo delle diverse forme di risparmio energetico. In questo caso, il supporto dell’applicazione Power master mi ha aiutato molto a bilanciare i consumi energetici in assenza di un power bank! La ricarica rapida, tuttavia, permette di ridurre i tempi di attesa prima che lo smartphone sia nuovamente carico.

Asus Zenfone 4 non è un camera phone

Asus Zenfone 4 punta tantissimo sul comparto fotografico, ma effettivamente non è paragonabile agli attuali camera phone. Il dispositivo vanta la presenza di un doppio sensore per la fotocamera principale (12+8MP). Il sensore principale – con apertura focale f/1.8 è dotato di stabilizzazione doppia: ottica più elettronica. A lui, l’onere di ottenere la foto perfetta. Il secondo, non solo svolge funzione di supporto, ma garantisce anche profondità di campo.

Asus Zenfone 4 è inoltre uno dei pochissimi smartphone presenti sul mercato a vantare un sensore con grandangolo. Un’apertura di 120 gradi, per riuscire a catturare una quantità maggiore di campo visivo, senza eccessiva distorsione. Gli scatti, in questo senso, sono piuttosto validi.

Nonostante la presenza di stabilizzazione ottica, Zenfone 4 riesce ad offrire fotografie di buon livello solo in presenza di condizioni di luminosità ottimali. Nonostante la presenza del flash led. Difficile ottenere macro o panoramiche interessanti se la luce non è favorevole. Per questo motivo, il dispositivo non è secondo me classificabile fra i camera phone del momento. Gli scatti sono sicuramente sufficienti, ma spesso rumorosi in funzione delle condizioni ambientali.

Mi è piaciuta particolarmente, ad ogni modo, la funzione ritratto. Quando scattiamo una foto ad un soggetto, la profondità di campo della seconda fotocamera mostra i muscoli. Insieme al lavoro software, l’effetto bokeh è garantito.

I video sono girati con massima risoluzione 4K, abbastanza stabilizzati grazie alla presenza di EIS ed OIS.

La camera frontale da 8MP mi ha regalato selfie di buon livello, anche in questo caso contano molto le condizioni di luminosità, ma è giustificabile.

Sensori e connettività

Sotto il punto di vista dei sensori, Asus Zenfone 4 è abbastanza completo. Un buon lettore d’impronte digitali posto sul frontale, accelerometro, giroscopio, bussola, luminosità/prossimità.

A livello di connettività, il modem offre connessione dati 4G e la ricezione è assolutamente prestante nella maggior parte delle situazioni. Presente anche il Wifi dual band 802.11 a/b/g/n/ac, il Bluetooth 5.0, l’NFC ed il GPS (con A-GPS e Glonass). In nessun caso, ho riscontrato problemi di connessione.

Asus Zenfone 4, un interessante medio di gamma migliorabile

Asus Zenfone 4, tirando le somme, è quindi un interessante medio di gamma con margini di miglioramento sotto diversi aspetti, come l’autonomia energetica. Mi sarei aspettata di più dal comparto fotografico, ma un plauso va comunque fatto all’effetto bokeh ed alle fotografie grandangolari.

L’attuale prezzo di vendita ufficiale è di circa 500€. Sicuramente, uno stree price più basso potrebbe rendere Asus Zenfone 4 certamente più appetibile per l’utente alla ricerca di un buon medio di gamma.

CONDIVIDI
Carla Stea

Appassionata di tecnologia da prima di imparare a leggere e scrivere, i miei genitori hanno ben presto smesso di regalarmi bambole per passare ai PC. Sono appassionata di qualsiasi cosa abbia bisogno di tecnologia per funzionare.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

uno × cinque =