TechPrincess_salone_Auto_ginevra_2014Nuove auto, nuovi concept, nuove soluzioni tecniche. Anche quest’anno il Salone di Ginevra, aperto al pubblico dal 6 al 16 marzo, si dimostra essere un ottimo palco per le case automobilistiche che non hanno esitato a mostrare tutto ciò che ci attende nell’immediato futuro, tra veicoli sempre più sicuri, più veloci, ma anche più green.

Sì, green, perché ormai ogni buon motor show che si rispetti è chiamato ad avere un occhio di riguardo per tutti quei nuovi modelli nati per salvaguardare l’ambiente. Naturalmente Ginevra non fa eccezione, anzi, gli organizzatori hanno ben pensato di creare una brochure dedicata proprio a tutti coloro che sono curiosi di scoprire quali nuovi modelli eco-friendly usciranno nei prossimi mesi. Ma non finisce qui.  Nei 110.000 metri quadri dedicati alla fiera ha trovato posto anche una mini pista al coperto per provare le auto a zero emissioni già in circolazione, una buona occasione per scoprire se c’è feeling con quelle che prima o poi potrebbero diventare le vetture più utilizzate del pianeta.

E le novità? Quelle non potete ancora provarle, ma sono tante, tantissime. Si va da Volkswagen con la e-Golf, capace 939 Km  in ciclo combinato (elettrico/combustibile), per arrivare alla BMW i3, passando per la Focus Electric, prima Ford europea totalmente elettrica, ma anche per la Classe B Electric Drive di Mercedes, che vedremo solo l’anno prossimo, e per l’ormai classica Prius di Toyota. Insomma, auto elettriche per tutti i tipi e per tutti i gusti, compresi quelli più raffinati e costosi. Non manca infatti la Tesla S, la supercar di Elon Musk che si distingue tanto per la potenza quanto per il rigore ingegneristico con cui è stata costruita, che ormai rappresenta l’eccellenza in campo elettrico. Un punto di riferimento per tutti gli altri che, a quanto pare, non hanno nessuna intenzione di rimanere indietro.

TechPrincess_salone_Auto_ginevra_Tesla_sMa ovviamente sul palco di Ginevra non trovano posto solo veicoli di prossima commercializzazione. A fare la loro comparso entusiasmando gli appassionati sono i concept. A colpire è in primis la peculiare Nissan BladeGlider, con il suo aspetto futuristico a freccia e la sua scocca in fibra di carbonio, ma anche la Hyundai Intrado che, udite udite, punterà sull’alimentazione ad idrogeno. Non so voi, ma sono curiosa di vederla all’opera, sperando diventi realtà.

E il lato tech? Un po’ carente nonostante i tentativi di Google di portare Android sulle auto in tempi brevi e la risposta di Apple che a Ginevra ha finalmente mostrato il suo CarPlay, il software ideato a Cupertino per sfruttare le funzioni di iOS sui futuri modelli Ferrari, Mercedes-Benz e Volvo.

LEGGI ANCHE: Apple e Ferrari, nascerà l’iCar

A colpire davvero però sono due concept molto più hi-tech: Renault Kwid e Rinspeed XchangE. La prima è infatti accompagnata da un piccolo drone munito di videocamera che trasmette le immagini direttamente all’auto, un modo piuttosto fantasioso (e costoso) di monitorare il traffico per poi decidere se è il caso o meno di trovare strade alternative; la seconda invece è l’idea di driverless car di Rinspeed. Un’auto che si guida da sola con interni stravolti per far spazio a quello che pare un mini-salotto (o un ufficio davvero molto comodo): sedili girevoli, televisori 4K, possibilità di effettuare videochiamate e connettività LTE. Non so voi, ma potendo scegliere questa sarebbe decisamente la quattro ruote che vorrei.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

venti − otto =