Nintendo riprende la strategia dei due anni passati con E3 quasi monografico. La punta di diamante quest’anno è rappresentata da Super Smash Bros. Ultimate, il nuovo picchiaduro del colosso di Kyoto che punta a conquistare sia i nuovi arrivati sia i veterani della serie. Avrà tutte le carte in regola per farlo?

Un roster da paura

Super Smash Bros Ultimate Ridley

Super Smash Bros. Ultimate vuole essere un enorme crossover, un capitolo che punta sulla vastità del suo roster. A disposizione infatti avete Mario, Bowser, Link, Samus, Bayonetta, Marth, Ryu, Cloud, i nuovi Inkling e tanti altri combattenti. Insomma, c’è davvero l’imbarazzo dalla scelta. Ognuno di essi poi ha una sua unicità, il che impone un certo livello di sperimentazione prima di trovare il personaggio adatto al proprio stile di gioco.

L’enorme varietà riesce a soddisfare contemporaneamente due tipi diversi di giocatori: da un lato infatti abbiamo i nuovi arrivati, che potranno quindi divertirsi provando ogni singolo combattente a disposizione, dall’altro invece abbiamo i fan della serie che apprezzeranno sicuramente l’ampliamento del roster e soprattutto l’introduzione della Ridley di Metroid.

La velocità è tutto

Super Smash Bros. Ultimate non si distingue dal suo predecessore solo per la quantità di campioni che mette a disposizione dei giocatori. Nintendo infatti ha lavorato sul gameplay così da garantire un ritmo di gioco più sostenuto. Troviamo così gli attacchi a mezz’aria, le schivate aeree, la telecamera che riesce a restringere il campo di gioco e persino un diverso approccio al dodge, ora disincentivato grazie all’aumento del tempo necessario al recupero.

Tutti questi elementi, che ho avuto modo di apprezzare durante una combattuta sfida contro Fjona, sembrano però andare in netta controtendenza con quanto fatto per il roster. Quest’ultimo infatti sembra pensato per catturare nuovi giocatori, mentre il gameplay – sempre più complesso ed articolato – risulta particolarmente ostico per chi non ha mai approcciato la saga.

Insomma, la paura più grande è proprio questa: Super Smash Bros. Ultimate potrebbe non essere un buon punto di ingresso per i nuovi arrivati. Attenzione però: il fatto che sia difficile e che la curva di apprendiamento risulti ripida non vuol dire che non possiate godervi qualche divertentissima partita con gli amici. Forse non sarete pronti per un torneo, ma sicuramente riuscirete a divertirvi.

Vi ricordo che Super Smash Bros. Ultimate uscirà il 7 dicembre in esclusiva per Nintendo Switch.