Dall’11 aprile al 17 giugno 2018 troverete alla Galleria d’Arte Moderna di Milano la mostra Una Tempesta dal Paradiso: Arte Contemporanea del Medio Oriente e Nord Africa, ultima tappa della Guggenheim UBS MAP Global Art Initiative, lo speciale progetto pluriennale che mette in evidenza l’impegno del Guggenheim e di UBS a sostegno dell’arte contemporanea e della formazione attraverso un totale di otto mostre internazionali, più di 125 acquisizioni, borse di studio per curatori provenienti da tre diverse aree geografiche e un’ampia gamma di programmi destinati al pubblico.

Medio Oriente e Nord Africa si trovano al centro di mutamenti radicali a livello mondiale e stanno affrontando le problematiche più critiche dei nostri giorni – ha dichiarato Fabio Innocenzi, Country Head del Gruppo UBS in Italia. – Siamo fieri di aver contribuito a portare questa mostra alla Galleria d’Arte Moderna di Milano per consentire ai nostri clienti, ai collaboratori e al pubblico di entrare a far parte della creativa e dinamica comunità delle arti, proprio come favoriamo il coinvolgimento informato dei nostri clienti nella complessa economia globale. Ciò costituisce un passo ulteriore nella nostra collaborazione con la GAM, alla quale UBS ha contribuito in Italia tramite un sostegno pluriennale a restauri e progetti espositivi. Ma è anche una testimonianza dell’impatto avuto dalla MAP Global Art Initiative creata da UBS e dal Guggenheim“.

Organizzata da Sara Raza, in collaborazione con Paola Zatti e Omar Cucciniello, la mostra Una Tempesta dal Paradiso include le opere di 13 diversi artisti che affrontano i temi della migrazione, della dislocazione, dell’architettura, della geometria e della storia grazie a strumenti tra cui lavori su carta, installazioni, fotografia, scultura e video.

La Guggenheim UBS MAP Global Art Initiative mette in evidenza i nuovi protagonisti dell’arte contemporanea attivi sia all’interno, sia all’esterno dell’Europa. – ha affermato Filippo Del Corno, Assessore alla Cultura di Milano. – Lo stesso obiettivo viene condiviso dalla città di Milano, che promuove l’interculturalismo sia nelle arti, sia nella società. Milano costituisce uno snodo ideale per il pensiero creativo e pertanto è la destinazione naturale per un progetto così innovativo“.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

tre + 16 =