È arrivata la tanto attesa estate 2015 e con lei parte il countdown, quello che vi dice quanti faticosi giorni di lavoro mancano alle vostre vacanze, prenotate scrupolosamente mesi prima per riuscire ad ottenere la stanza dei vostri sogni nell’hotel delle meraviglie. Ma per i ritardatari?

Ecco che inevitabilmente Booking segnala più dell’80% delle strutture come già occupate, proprio su quel territorio in quella stessa settimana; Trivago non trova alcun miglior prezzo e, come se non bastasse, gli unici hotel con buon rapporto qualità-prezzo vengono esclusi guardando le foto postate su Tripadvisor.

D’accordo, niente panico! Siamo qui per consigliarvi come trovare un fantastico alloggio, che sia lussuoso, economico, minimalista o addirittura gratis!

Appartamenti, case e stanze in affitto

TechPrincess_airbnb_logo_belo

Per quanto riguarda le case in affitto potete contare sulla vasta gamma offerta dagli host di Airbnb, la famosa start up di San Francisco che punta al contatto diretto tra chi offre e chi chiede una stanza o un appartamento. La società californiana ha conquistato un vastissimo numero di utenti proprio grazie alla facilità con cui ci si scambiano recensioni, opinioni ed eventualmente si chiude l’affare. Bastano 2 minuti per impostare destinazione, date e numero di ospiti per visualizzare tutte le case e le stanze disponibili, posizionate sulla mappa e accompagnate dal prezzo. Qualcuna sembra convincervi? Un clic e accedete alle informazioni complete, alle foto e al profilo dell’host che vi ospiterà.

Insomma, Airbnb è così completo che quasi quasi sarete tentati di mettere anche voi in affitto la vostra prima o seconda casa!

TechPrincess_Homeaway_affitti

Il boom riscosso dalle 34.000 città che Airbnb copre ha però messo quasi in ginocchio un’altra piattaforma di successo come quella di Homeaway. Internazionale come il concorrente, Homeaway è nato prima di Airbnb e già poteva contare su 1 milione di alloggi, contatti veloci con gli affittuari e ovviamente affidabilità e garanzie.
Le stesse di cui gode anche RoomORama, sito web secondo ai due sopraccitati, che però mette a disposizione “solo”  300.000 case o appartamenti in tutto il mondo, anche a breve termine.
Per chi invece vuole garanzie basate su un’esperienza costruita in oltre 15 anni, la soluzione è Tripwell. Il sito è molto chiaro, gestito perfettamente in più lingue e a prova di equivoci: non solo potrete godere di uno staff d’assistenza multilingue 24/7, di una casa o stanza coperta contro danni accidentali dalla Garanzia Tripwell/Zurich, ma il sistema per contattare, prenotare e pagare è anche più chiaro di quello di Airbnb. Il funzionamento è difatti lo stesso del colosso californiano, e pure con Tripwell si può diventare locatari.

TechPrincess_Wimdu

Un’altra buona alternativa è Wimdu che, come la concorrenza, offre un’assistenza 24 ore al giorno, un’assicurazione contro gli eventuali danni e migliaia di recensioni affidabili. Questa piattaforma Europea per affittare appartamenti in città è la vera alternativa intelligente agli hotel, perché viaggia con una marcia in più rispetto ai siti citati sopra: potrete contare, come già detto, su tante recensioni affidabili e su controlli di qualità delle stanze effettuati 365 giorni l’anno, da Berlino a Pechino.

E se invece volete assicurarvi un viaggio personalizzato secondo le vostre esigenze, che sia un evento, un festival, turismo, studio e stage, viaggi di lavoro o semplice vacanza al mare, farà al caso vostro Bedycasa. La piattaforma supporta i pagamenti Paypal e offre una vasta gamma di esperienza, per tutti i gusti e tutte le età. Se infatti il vostro viaggio è mosso dal desiderio di mettervi in gioco, di conoscere nuove persone e le culture locali attraverso la convivenza con le persone del luogo, Bedycasa è veramente perfetto: potrai chattare con la famiglia da cui vuoi farti ospitare o chiedere informazioni riguardo alla sopravvivenza nella capanna nel bosco in Bretagna in cui vuoi alloggiare. C’è proprio di tutto per mettersi in gioco.

Non volete spostarvi molto e vi piacciono le vere bellezze italiane? Allora non potrete fare a meno di affidarvi a BnBGenius, il sito che mette a disposizione qualsiasi alloggio in qualsiasi località italiana. Sarete voi stessi a riconoscere la verà hospitality italiana e, se volete, a far valere la vostra mettendo a disposizione un spazio.

Scambio casa

So che temerete già quello di cui sto per parlarvi, perché lo scambio casa è formato da due parole la cui associazione fa paura alla maggioranza degli italiani.  Ma se il film L’amore non va in vacanza non vi ha convinti, lo faranno siti come Homelink, Scambiocasa e GuestToGuest.

TechPrincess_Homelink_scambiocasa

Vi incuriosirà sapere che lo scambio casa certificato e affidabile nasce nel 1953 con Homelink, dall’idea di un professore di New York che creò allora non un sito web ma un’organizzazione per scambiare la propria prima abitazione o la propria casa vacanze.

Su Homelink non solo trovate affidabilità e sicurezza garantite da 27 rappresentanti in tutto il mondo, ma un esperienza di 60 anni che comprende scambi per scopi lavorativi, per studio o a scopo ludico. Inoltre bon solo ci si può scambiare casa grazie a comodi moduli online, ma è per esempio possibile scegliere di andare in vacanza o in visita a Cannes offrendo le proprie abilità di giardinieri o di petsitting. Vostro figlio ha bisogno di andare in Inghilterra a parlare inglese? Cosa c’è di meglio che farlo ospitare da una famiglia londinese che vuole imparare l’italiano?

Homelink è la soluzione adatta a chi vuole unire l’utile al dilettevole in soli 5 passaggi: registrazione al sito e descrizione della propria casa, ricerca di uno scambio di vostro interesse, comunicazione con l’interessato, stipula dell’accordo e partenza.

ScambioCasa funziona allo stesso modo ma, una volta diventato socio, starà a te far capire perché la tua casa è unica nel suo genere, definendo anche a quale tipo di scambio sei interessato.A questo proposito ScambioCasa appare più chiaro, perchè inserisce nel layout del suo sito la ricerca per tutte le categorie di scambio:si va dalle case per pensionati, alle case pet friendly o gay friendly, e si può addirittura trovare alloggio in uno yatch o ospitare un’insegnante, il tutto in 65.000 case in 150 paesi.

TechPrincess_GuestToGuest

Dulcis in fundo parliamo di GuestToGuest, il vero sito leader mondiale di scambio case. A parte fornire gratuitamente un vero ed affidabile social network su cui scambiarsi opinioni, amicizie e feedback su ospiti e case, GuestToGuest prevede la moderazione degli annunci, privacy, sicurezza nei pagamenti, verifica delle abitazioni, assicurazioni e cauzione. Il punto forte però di questo sito sono i Guestpoints. Funzionano come i soldi, ma si guadagnano ospitando: si sceglie quanti guestpoints vale una notte nella propria casa, si ospita, si guadagnano i Guestpoints per aver ospitato, e li si può usare per soggiornare ovunque e quando si desidera, presso uno dei 140.701 membri in più di 187 Paesi di GuestToGuest.

Insomma, niente è impossibile per chi vuole viaggiare grazie a questi siti web.

Per gli amanti del risparmio

Techprincess_couchsurfing

Avete un budget ristretto e preferite investirlo nel volo aereo e nel godervi la vacanza? Allora la vostra scelta potrà ricadere sui gratuiti Couchsurfing e BedAndLearn.

Se Couchsourfing è una genuina idea per scambi culturali partorita nel 2004 da un gruppo di studenti provenienti da differenti parti del mondo, BedAndLearn è proprio una domanda/offerta di alloggio in cambio di qualsiasi tipo di insegnamento. Si potrà chiedere alloggio nella viva Ibiza e dare in compenso lezioni di cucina italiana, o, nel migliore dei casi, ospitare a Milano un qualsiasi spagnolo,francese o inglese per migliorare la lingua. Con Couchsourfing invece è tutto molto più semplice: si va per incontrare gli amici dormendo sul loro divano e imparando a conoscere con loro le meraviglie della città in cui vi trovate.

Allora, avete già scelto dove andare?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

dieci + 1 =