Negli ultimi anni ho sviluppato un’insana fissazione mouse e tastiere. Non perché li preferisca ai classici controller, ma perché sono chiamati a svolgere due compiti importanti: permettermi di giocare quando è necessario e supportare lunghe sessioni di lavoro. Due attività che spesso è difficile conciliare, soprattutto quando si tratta di scegliere quale tastiera utilizzare.

Sì, perché le classiche tastiere a membrana risultano spesso più semplici da usare sul lungo periodo, con tasti più morbidi seppure imprecisi, mentre quelle meccaniche fanno della precisione il loro punto di forza ma rischiano di stancarvi quando giocate per periodi prolungati di tempo.

Insomma, scegliere è un inferno e questo Razer lo sa. Ecco perché l’azienda, specializzata nella costruzione di dispositivi dedicati al gaming, ha deciso di dare vita alla nuova Razer Ornata Chroma.

Un po’ meccanica, un po’ a membrana

La prima cosa che ho pensato quando ho visto Ornata Chroma è stata “Perché?”. Perché fare un buco nella scatola che permettesse a tutti di toccare i tasti? Cosa c’era di così insolito da costringere Razer a pensare ad una scatola inusuale rispetto alle altre a cui ci ha abituati? Semplice: i tasti Mecha-Membrane. Un nome che vi anticipa la filosofia dietro a questi nuovi pulsanti: unire il meglio dei due mondi, quello delle tastiere meccaniche e quello delle tastiera a membrana. I tasti di Razer Ornata Chroma sono quindi morbidi, con un feedback deciso ed attivati a metà corsa. L’ideale sia per giocare, visto che garantiscono una risposta rapida, sia per scrivere e lavorare.

La tecnologia Mecha-Membrane non è però l’unico plus di questa periferica. Razer Ornata Chroma infatti è accompagnata da un poggipolsi ergonomico, imbottito e rivestito in pelle. Una soluzione che rende la tastiera davvero comoda da utilizzare, nonostante abbia un piccolo difetto: il supporto per i polsi infatti è magnetico quindi staccarlo non è particolarmente difficile. Ovviamente questo non significa che si sgancerà mentre la utilizzate ma che eventuali bruschi spostamenti vi costringeranno a riposizionare anche il poggiapolsi.

SE SEI INTERESSATO A QUESTO PRODOTTO, ACQUISTA QUI

Colorata è meglio

Se questa tastiera si chiama Ornata Chroma un motivo c’è ed è la solita e apprezzatissima possibilità di personalizzare l’illuminazione della periferica.

Per farlo dovremo come sempre affidarci al software Razer Synapse che non solo mette a disposizione una serie di pattern predefiniti, tra cui Wave, Fire e Breathing, ma anche un configuratore che vi aiuta a raggiungere livelli di customizzazione davvero estremi.

Synapse però non serve solo a questo. Il suo menù permette di infatti di attivare la gaming mode – disattivando i tasti che non vi servono durante il gioco-, di impostare le macro e di visualizzare persino le vostre statistiche per scoprire quali tasti premete più spesso mentre vi dedicate ai videogame.

Quasi perfetta

Razer Ornata Chroma non è però esente da difetti. Oltre all’aggancio magnetico del poggiapolsi, che potrebbe non farvi impazzire, pesa infatti l’assenza di tasti multimediali dedicati, cosa che vi obbligherà ad usare una combinazione di tasti (FN + uno dei pulsanti funzione).  Una mancanza piuttosto fastidiosa considerando il prezzo di questa periferica, ossia 109,99 Euro.

In definitiva però questa Ornata Chroma è sicuramente un’ottima soluzione per coloro che usano il PC sia per giocare sia per lavorare, anche perché – rispetto ad altre tastiera da gaming – è disponibile anche con il layout italiano, così non dovrete impazzire per trovare lettere accentate e simboli.

Mettete però in conto una cosa: il click. La nuova tastiera di Razer infatti non è particolarmente silenziosa, quindi cercate di non usarla in ufficio!

SE SEI INTERESSATO A QUESTO PRODOTTO, ACQUISTA QUI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

diciassette − quindici =